TwitterFacebookGoogle+

Roma, Marino cambia la giunta Un pm assessore alla Legalita'

(AGI) – Roma, 23 dic. – E’ schierata in Campidoglio la nuova giunta targata Ignazio Marino, che ha presentato ufficialmente la sua nuova squadra. I flash dei fotografi e l’attenzione dei cronisti si e’ concentrata in particolare sulle tre new entry: il pm Alfonso Sabella, assessore alla Legalita’ e alla Trasparenza; Francesca Danese, assessore al Sociale al posto di Rita Cutini e che assume anche la delega alla Casa lasciata libera dal dimissionario Daniele Ozzimo, indagato nell’inchiesta Mafia Capitale; Maurizio Pucci, nuovo assessore ai Lavori pubblici.

La nomina di quest’ultimo e’ stata confermata nonostante ieri rischiasse di saltare perche’, pur non essendo indagato dalla Procura di Roma, il suo nome viene fatto da Salvatore Buzzi in un’intercettazione. “Ho fortemente voluto Maurizio Pucci perche’ e’ una persona che prende un incarico e non si ferma finche’ non lo porta a termine”, ha detto sindaco Marino spiegando la scelta del nuovo assessore ai Lavori pubblici nonostante il suo nome sia finito nelle intercettazioni allegate all’indagine romana. Sulle quali “voglio rispondere – ha aggiunto il primo cittadino – con le parole di Papa Francesco: ‘guardiamoci dal terrorismo delle chiacchiere’, che non fa bene e non aiuta la nostra citta’”.

Per il resto, “ci presentiamo con una giunta che vuole avere dei capocantieri, assessori che la mattina si mettono gli scarponi, vanno in cantiere e la sera portano a casa risultati”, ha affermato Marino illustrando poi il riassetto definitivo delle deleghe: il vicesindaco Luigi Nieri mantiene la delega al Personale, acquista quella alla Periferia e perde quella al Patrimonio a favore di Alessandra Cattoi; quest’ultima mantiene politiche Ue e pari opportunita’ e assume la delega ai Grandi eventi, perdendo invece quella alla Scuola a favore di Paolo Masini; il quale a sua volta acquista lo Sport lasciato libero da Luca Pancalli; l’assessore alle Attivita’ produttive Marta Leonori assume la delega alle politiche agroalimentari ma cede la delega al Turismo all’assessore alla Cultura Giovanna Marinelli, che mantiene immutate le sue altre deleghe cosi’ come Guido Improta (Trasporti), Estella Marino (Ambiente e Rifiuti) e Silvia Scozzese (Bilancio). Primo compito assegnato al nuovo esecutivo capitolino e’ quello di “approvare il bilancio di previsione del 2015 entro il 30 dicembre – annuncia il sindaco – e “quindi entro la fine dell’anno, come avevo promesso”.

Sabella, non saro’ uno sceriffo; la citta’ non e’ marcia

“Non saro’ uno sceriffo e anzi vorrei dimostrare con la mia esperienza che in questo paese legalita’ e rispetto delle regole possono andare a braccetto con efficienza ed efficacia” ha detto il neo assessore Sabella, secondo il quale “Roma non e’ una citta’ marcia ma complessivamente sana, che si e’ scontrata con una realta’ difficile e complessa come questa mafia venuta fuori dalle indagini della magistratura”.

Il magistrato ha annunciato di voler “vedere le carte soprattutto per capire come si e’ mossa la macchina burocratica del Comune e come si e’ esercitata la discrezionalita’ amministrativa affinche’ in futuro sia utilizzata nel modo piu’ corretto possibile. anche se non penso di trovare grandissime cose diverse da quelle che ha gia’ trovato la magistratura”. Per Sabella, ex membro del pool antimafia di Palermo guidato da Gian Carlo Caselli e specializzato nella cattura di latitanti come Giovanni Brusca e Leoluca Bagarella, “questa mafia e’ per molti aspetti diversa dalle mafie tradizionali ma credo sia ugualmente pericolosa perche’ capace di tessere intorno all’amministrazione romana una rete di interessi e deviazioni, in molti casi riuscendo ad arrivare nei punti nevralgici”.

La sua scelta di far parte dell’esecutivo capitolino deriva dal fatto che “in questo momento a Roma c’e’ un’emergenza rispetto alla quale nessuno puo’ sottrarsi“, ha spiegato il giudice, ritenendo che “ci siano le condizioni, partendo da un tessuto sano, per fare bene e riuscire a impedire che questa mafia continui ad attecchire all’interno del tessuto amministrativo e sociale”. (AGI)

Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.