TwitterFacebookGoogle+

Rubio, ascesa e caduta del nuovo volto dei repubblicani

Washington – Marco Rubio non è più in corsa per la Casa Bianca. Il secondo SuperTuesday, che ha chiamato alle urne cinque Stati, ha segnato la fine dell’ascesa del senatore repubblicano della Florida, che nulla ha potuto contro il magnate Donald Trump nemmeno nel suo stato.  Il “nuovo volto giovane e fresco del partito repubblicano” – come lui stesso si era definito – ha convinto solo il 27% degli elettori della Florida.  

Figlio di immigrati cubani, Rubio, 44 anni, si è posto subito al polo opposto rispetto al miliardario Trump, facendo della difficile storia della sua famiglia il suo cavallo di battaglia. Donna delle pulizie a Miami lei, barista lui, i genitori del repubblicano hanno realizzato il loro “sogno americano” partendo dal basso: comprare una casa e assicurare un futuro ai propri figli. “Sono figlio di immigrati in fuga da un Paese problematico. I miei mi hanno dato tutto quello che erano in grado di offrirmi. Sono la prova vivente dei loro sacrifici, lo scopo della loro vita” aveva raccontato Rubio nella sua biografia del 2012 “Un figlio americano”.

Due anni dopo la laurea in legge, Rubio inizia il suo percorso politico. Il primo incarico è quello di Commissario della città di West Miami. Un anno dopo, nel 1999, entra a far parte della Camera dei Rappresentanti della Florida, dove dal 2006 al 2008 ricopre la carica di speaker. Nel 2011 si aprono per lui le porte del Senato, dove conquista un seggio sfidando il governatore repubblicano Charlie Crist, che concorre come candidato indipendente. 

Al suo arrivo a Washington i conservatori ancora traumatizzati per l’elezione di Barack Obama lo accolgono come un ‘salvatore’ . Il giovane politico che ama il rap, parla spagnolo e piace agli elettori ispanici è abbastanza diverso per portare una ventata di aria fresca al partito, ma non abbastanza per intaccare quei valori repubblicani fondamentali che si oppongono all’aborto, ai matrimoni gay e che chiudono al regime di Castro. 

La sua fortuna presso il Tea Party subisce un primo colpo nel 2013 quando appoggia e contribuisce alla riforma per l’immigrazione che legalizza milioni di migranti senza documenti.  

La corsa alla Casa Bianca è l’ipotetica elezione rappresentano la redenzione politica del repubblicano dalle origini cubane, Nell’ultimo mese il suo elettorato è cresciuto, tanto che a febbraio scorso gli ha fatto guadagnare il terzo posto nel caucus in Iowa. Poi, lo schianto contro lo scoglio più duro: Trump. “Ha condotto una campagna dura, congratulazioni” ha commentato il miliardario dopo il ritiro dello sfidante. “Rubio ha un grande futuro”.

(AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.