TwitterFacebookGoogle+

Russia: negoziati Novatek-Cremlino per export gas verso Europa

(AGI) – Mosca, 2 mar. – Novatek, il maggiore produttore privato di gas in Russia, sta discutendo con il Cremlino la possibilita’ di avere accesso all’export di gas via tubo verso l’Europa, privilegio finora del solo colosso pubblico Gazprom. Secondo quanto ha scritto oggi il quotidiano Vedomosti, il ministero dell’Energia, su indicazione di Vladimir Putin, ha gia’ esaminato la proposta della societa’ guidata dall’uomo piu’ ricco della Federazione, Leonid Mikhelson.
Il giornale fa riferimento a una lettera del ministro dell’Energia Aleksandr Novak indirizzata a Putin e datata 18 febbraio. Diverse fonti hanno confermato l’esistenza di tale missiva, secondo la quale Novatek chiede di esportare gas verso il Vecchio Continente attraverso Gazprom Export, in modo da “conservare il principio di un unico canale di esportazione” quello riservato al monopolista statale Gazprom. Le fonti del quotidiano raccontano che Novatek si e’ rivolta a Putin senza discutere prima con Gazprom la sua proposta, ma questo non significa che vi sia un tentativo di fare pressione sul monopolista di Stato. “Si tratta di una questione importante per lo Stato e che deve decidere il presidente”, ha detto a Vedomosti uno degli interlocutori.
Novatek chiede di autorizzare il trader svizzero Novatek Gaz & Power Gmb (Ngp) a fornire ai consumatori europei il gas prodotto dalla Arcticgaz, la joint-venture della compagnia energetica con GazpromNeft. Il ministro Novak ha consigliato a Putin di sostenere tale proposta, prevedendo entrate per il bilancio pari a 9,4 miliari di rubli, derivati dai dazi sull’export. Per attuare la proposta, Gazprom dovrebbe acquistare il gas di Arcticgaz al prezzo netback di esportazione, ha spiegato una fonte nel settore.
A dicembre 2015, e’ stato scritto che il ministero dell’Energia non ha intenzione di permettere ai produttori indipendenti di esportare attraverso pipeline fino al 2025. A giugno scorso, la major energetica pubblica Rosneft aveva proposto di dividere Gazprom in due strutture per eliminare il conflitto di interesse: la societa’ risulta infatti sia monopolizza della produzione di gas che del suo trasporto. (AGI)
Ruy/Mau

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.