TwitterFacebookGoogle+

Saipem: si aggiudica contratto per parte offshore del Tap

(AGI) – Roma, 14 apr. – Saipem si e’ aggiudicata un nuovo contratto relativo alla parte offshore del progetto Trans Adriatic Pipeline. Il contratto e’ stato assegnato dal cliente Trans Adriatic Pipeline AG, una joint venture fra BP, SOCAR, Snam S.p.A., Fluxys, Enag�s e Axpo. Il contratto EPCI (Engineering, Procurement, Construction and Installation) ha come oggetto l’installazione di una condotta per il trasporto del gas tra l’Albania e l’Italia attraverso il mare Adriatico.
Nello specifico, si legge in una nota, le attivita’ previste comprendono le indagini geofisiche del fondo marino, l’installazione di un gasdotto del diametro di 36″ e lungo 105km, la fornitura ed installazione di un cavo a fibre ottiche, le attivita’ di pre-commissioning e la realizzazione degli approdi costieri in Albania e Italia. L’approdo in Italia sara’ ubicato a San Foca in Puglia e sara’ realizzato mediante la tecnologia di microtunneling. Per i lavori di installazione offshore, che verranno eseguiti fino alla profondita’ massima di 820 metri, Saipem utilizzera’ la nave posatubi Castoro Sei e il pontone per scavo, posa e rinterro Castoro 10. Le attivita’ inizieranno nel 2016. (AGI)
.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.