TwitterFacebookGoogle+

Salvini: “Accetto le scuse di Macron, ma se apre i porti a due o tre barconi è meglio”

 “Si sono impegnati a spostare la frontiera e i centri di identificazione in Nord Africa. Se alle parole seguiranno fatti è una rivoluzione copernicana”. A dirlo è il vicepremier e ministro dell’Interno, Matteo Salvini, commentando l’incontro di oggi tra il presidente francese Macron e il premier italiano Giuseppe Conte.

“Se oggi il presidente del Consiglio italiano è andato a Parigi e qualcuno ha dovuto chiedere scusa è perché abbiamo alzato la testa”. Salvini ha poi sottolineato che “se oggi il presidente del Consiglio è andato a Parigi e qualcuno ha dovuto chiedere scusa è perché noi abbiamo alzato la testa”.

E sul presidente francese Emmanuel Macron il ministro dell’Interno ha aggiunto: “Accetto le sue scuse però oltre le scuse vediamo se si passa dalle parole ai fatti. La Francia accoglie molto meno rispetto all’Italia, e visto che di migranti ne sbarcheranno altri, se oltre alle scuse aprisse i porti francesi a due o tre barconi apprezzerei ancora più le scuse”. 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.