TwitterFacebookGoogle+

Salvini al Cara di Mineo, "Renzi e Alfano due incapaci, Ue e Italia assassini"

(AGI) – Catania, 4 set. – “Renzi e Alfano sono due incapaci incollati alla poltrona. Dove sono? A Palagonia non li ho visti”. Lo ha detto Matteo Salvini, giunto davanti al Cara di Mineo. “Lacrime e rabbia. Il bambino scappa da una guerra di cui il mondo si disinteressa”. Lo ha detto Matteo Salvini commentando la foto del bimbo sulla riva della spiaggia di Brodum, in Turchia. “L’Ue e l’Italia hanno un embargo contro il governo siriano – aggiunge – e sono complici del massacro dell’Isis. E quel bambino scappava dalla Turchia che e’ un regime che qualcuno vorrebbe fare entrare in Europa alleato della Nato e degli Stati Uniti. Le immagini di quel bambino dovrebbero svegliare – ha concluso – le coscienze di quelli che si fingono buoni e invece sono i veri assassini”.

Il massimo sforzo della Germania e’ prendere i siriani che dicono loro. Sono ridicoli. Scelgono loro chi accogliere e gli altri li lasciano a noi. Nel silenzio di Renzi e Alfano”. Lo ha detto Matteo Salvini mentre visitava il centro di accoglienza per i richiedenti asilo. “Sono ridicoli. Sono ridicoli – ripete Salvini – il massimo sforzo che fa la Merkel e’ dire ‘prendo i siriani che e’ l’unica popolazione che scappa dalla guerra ed e’ anche immigrazione qualificata’. Per la serie scelgo io quelli che voglio io e il resto li tenete voi. E’ l’ennesima presa in giro della Germania nei confronti dell’Europa, e l’ennesimo silenzio di Renzi e Alfano che rispondono con il nulla e con la resa”. (AGI)

Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.