TwitterFacebookGoogle+

Sangue in Venezuela nel giorno del voto per la Costituente

Si aggrava ulteriormente il bilancio delle vittime in Venezuela nel giorno del voto per l’Assemblea Costituente, voluto dal controverso presidente Nicolas Maduro. Un uomo di 43 anni, riferisce la Procura Generale, è stato ucciso da colpi d’arma da fuoco nella città occidentale di Barquisimeto. In precedenza la notizia di altre 2 persone uccise nello Stato occidentale di Merida. Le due vittime Angelo Mendez, 28 anni e Eduardo Olave, 39, sono state uccise a colpi d’arma da fuoco mentre partecipavano ad una manifestazione dell’opposizione. A questi si aggiungono oggi le morti di Marcel Pereira, a Chiguarà, sempre nello Stato occidentale di Merida) e di Ricardo Campos, segretario giovanile della formazione dell’opposizione, Azione Democratica, nella città di Cumana. Le circostanze delle uccisioni sono ancora da accertare ma il quotidiano El Nacional ha mostrato una coppia di cecchini delle forze speciali venezuelane appostati sul tetto di una scuola di Las Vegas de Tariba, nello Stato di Taricha, prendere la mira contro la folla sottostante. Nel quartiere orientale di Caracas, invece, un ordigno è esploso provocando il ferimento di quattro poliziotti.

Maduro aveva proibito le manifestazioni di protesta ma l’opposizione ha sfidato il rischio di una condanna tra i 5 e i 10 anni di detenzione ed è scesa in strada contro il voto. Da quando il primo aprile sono iniziate le manifestazioni dell’opposizione contro il progetto di Maduro, che con il Tribunale Supremo, formato da suoi fedelissimi, ha esautorato Il Parlamento dove da dicembre era finito in minoranza, si contano 114 morti.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.