TwitterFacebookGoogle+

Save the Chldren riattiva servizi ospedale bombardato in Siria

Roma – Lo staff di Save the Children a Islib, in Siria, ha lavorato ininterrottamente tutta la giornata di sabato, insieme ai propri partner in loco, per mantenere aperto l’ospedale ostetrico bombardato venerdi’: sono stati presi in prestito un generatore e un’ambulanza da una struttura vicina per essere in grado di trasferire le partorienti che hanno bisogno di cesarei; le ostetriche sono disponibili per patri a domicilio. Lo rende noto la stessa orgaizzazione. Al momento, prosegue la nota, la struttura opera ad un livello ridotto ed e’ solo in grado di supportare i casi di emergenza e gli interventi non chirurgici. I cesarei non possono essere eseguiti perche’ le attrezzature necessarie e i generatori sono stati danneggiati negli attacchi. Ma i lavori di riparazione sono in corso.

“Siamo molto grati al personale ospedaliero di Idlib per la resilienza e l’intraprendenza che sta dimostrando in questa situazione tremendamente difficile. Stanno lavorando giorno e notte, correndo contro il tempo, per assicurarsi che l’ospedale possa continuare a sostenere le donne e i bambini nel momento del bisogno. Tutte le sale travaglio e le incubatrici sono state spostate ai piani sotterranei per maggiore sicurezza e il personale e’ riuscito a trovare un generatore e un’ambulanza, presi in prestito da altre strutture, pur di rimanere operativi. L’ ambulatorio e’ stato chiuso fino a nuovo ordine, ma ci sono 6 ostetriche che lavorano in ospedale e che possono assistere le donne durante il parto anche nelle loro case”, ha dichiarato Sonia Klush, direttore di Save the Children in Siria. (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.