TwitterFacebookGoogle+

Scajola insorge: non confondetemi con la Raggi

Claudio Scajola non ci sta: la vicenda che nel 2010 lo portò alle dimissioni da ministro del governo Berlusconi non è nemmeno lontanamente paragonabile a quella che vede coinvolta il sindaco di Roma, Virginia Raggi,. E, anzi, l’esponente di Forza Italia minaccia querela nei confronti di “alcune testate giornalistiche” superficiali  e dalla memoria corta che “suggeriscono accostamenti”.

Leggi anche: La casa al Colosseo che gli costò la poltrona di ministro

“E’ bene ricordare i fatti, a beneficio di una certa superficialità e memoria corta generalizzata” scrive l’ex ministro che si dimise “senza aver avuto neppure un avviso di garanzia”. L’inchiesta della procura di Perugia “si concluse senza coinvolgerlo mai”, ma “un anno dopo curiosamente la procura di Roma aprì un nuovo fascicolo che diede avvio a un processo conclusosi il 27 gennaio 2014 con il suo proscioglimento”. 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.