TwitterFacebookGoogle+

Scalise, l'Underwood dei repubblicani di origini siciliane

Steve  Scalise, deputato repubblicano degli Stati Uniti, e altre tre persone sono state ferite da colpi di arma da fuoco nei pressi di Washington. Lo ha riferito per prima la Cbs News, secondo cui la sparatoria si è verificata su un campo di baseball di Alexandria, in Virginia. Scalise, colpito a una gamba e all’anca, è in “condizioni stabili”. Colpito al petto un assistente del deputato. Gli altri due feriti sarebbero agenti di polizia.

Il capogruppo repubblicano alla Camera è stato colpito all’anca e non sarebbe in pericolo di vita secondo Fox News. Il deputato repubblicano Mike Lee ha riferito all’emittente televisiva americana che l’aggressore è stato ucciso dalla polizia. A quanto sembra, a sparare è stato James T. Hodgkinson, 66 anni, che sul suo profilo Fabebook si definisce ‘un socialista’. 

“Steve Scalise è un vero amico e un vero patriota, è stato ferito gravemente, ma si riprenderà in modo completo. I pensieri e le preghiere vanno a lui”, ha scritto in un tweet Trump. Mentre sui social aumentano i messaggi di supporto al politico americano. 

Rep. Steve Scalise of Louisiana, a true friend and patriot, was badly injured but will fully recover. Our thoughts and prayers are with him.

— Donald J. Trump (@realDonaldTrump) 14 giugno 2017

;

Il ‘Frank Underwood’ dei repubblicani, di origini siciliane

Scalise, 51 anni, è stato eletto in Louisiana e ha il ruolo di coordinatore dei repubblicani al Congresso. E’ figlio di Carol Anna Schilleci e Alfred Joseph Scalise, siciliano. Per capire meglio, è un po’ quello che di Kevin Spacey  ricopriva interpretando Frank Underwood nelle prime puntate di “House of Cards”. Scalise era il “Whip” della maggioranza nella Camera dei rappresentanti. è lo stesso incarico al Congresso da cui parte l’ascesa politica del protagonista, il democratico della serie televisiva verso la Casa Bianca. Il termine “Whip”, letteralmente frusta, è mutuato dal Chief Whip del gergo politico britannico: si tratta di una sorta di capogruppo, coordinatore, che deve cercare di assicurare che i membri del suo partito siano presenti alle votazioni in aula e, possibilmente, rispettino le indicazioni.

Nel sistema americano, in realtà, il “Whip” ha poteri più limitati perchè la disciplina di partito è spesso disattesa per tener conto dell’humus politico dello Stato di provenienza (si dice spesso che i democratici del sud siano a volte più conservatori dei repubblicani). Nel caso di Scalise, un trumpiano di ferro, c’è anche da governare una maggioranza repubblicana spesso riottosa nei confronti del “suo” presidente. 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.