TwitterFacebookGoogle+

Scattone rinuncia alla cattedra, legale 'spero ci ripensi'

(AGI) – Roma, 10 set. – Giovanni Scattone annuncia di voler rinunciare alla cattedra di psicologia nell’Istituto professionale Einaudi di Roma “per mancanza di serenita’”. L’allora ricercatore universitario, condannato per l’omicidio di Marta Russo, si e’ detto “amareggiato” delle polemiche che hanno accompagnato la sua stabilizzazione nella scuola, specie dopo aver chiuso i conti con la giustizia. E adesso il suo difensore, Giancarlo Viglione spera che ci sia un ripensamento: “La situazione e’ molto dolorosa e molto triste:, Scattone, dopo anni di precariato, ha deciso di fatto di finire in mezzo a una strada per le polemiche che lo hanno travolto. Spero che vivamente ci ripensi. Mi auguro che alle parole positive espresse dal ministro dell’Istruzione seguano quelle di altri e che a questa vicenda si possa trovare una soluzione. In dieci anni di insegnamento come supplente, nessuno si e’ mai lamentato dei metodi di Scattone. Evidentemente non e’ bastato”, ha aggiunto il legale. .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.