TwitterFacebookGoogle+

Scoperto nuovo meccanismo azione malattie infiammatorie

(AGI) – Perugia, 23 set. – Scoperto da ricercatori perugini un
nuovo meccanismo d’azione dei glucocorticoidi, farmaci usati in
molte malattie infiammatorie/autoimmunitarie e nel trattamento
di alcune forme di leucemie. La conoscenza del meccanismo
d’azione puo’ permettere un migliore uso di tali farmaci per
aumentarne l’efficacia e limitare gli effetti collaterali
negativi. Il gruppo di ricerca, che opera nella sezione di
farmacologia del dipartimento di medicina dell’Universita’ di
Perugia, diretto da Carlo Riccardi, ha pubblicato il lavoro dal
titolo ‘Lack of Glucocorticoid-induced leucine zipper (GILZ)
deregulates B cell survival and results in B cell lymphocytosis
in mice’ su Blood, la rivista della American Society of
Hematology.Lo studio, condotto da Stefano Bruscoli e altri
coautori, dimostra che GILZ, una proteina indotta dai
glucocorticoidi, scoperta dallo stesso gruppo di ricerca
perugino, e’ importante per la sopravvivenza dei linfociti B.
La mancanza della proteina GILZ porta ad un accumulo di
linfociti B. Questa alterazione potrebbe predisporre
all’insorgenza di patologie dove il controllo del numero e
della funzione dei linfociti B e’ essenziale, come ad esempio
l’artrite reumatoide o il lupus eritematoso sistemico,
patologie autoimmunitarie dove i glucocorticoidi sono farmaci
di elezione per il loro trattamento. “La dimostrazione del
ruolo di GILZ nel controllo della sopravvivenza di linfociti B
indica che questa proteina puo’ essere un potenziale marker
dell’efficacia del trattamento terapeutico con glucocorticoidi
– spiega il professor Bruscoli -. Inoltre, lo studio suggerisce
che GILZ potrebbe essere un possibile target per lo sviluppo di
nuovi farmaci per la terapia di patologie
infiammatorie/autoimmunitarie o neoplastiche”.

Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.