TwitterFacebookGoogle+

Scoperto un insediamento di 2500 anni fa sul fondo di un lago siberiano

lago Issyk-KulUn gruppo di archeologi siberiani ha scoperto sul fondo del lago Issyk-Kul, in Kirghizistan, i resti di una civiltà sconosciuta di 2500 anni fa.

Nel 2007, il lago Issyk-Kul era già stato protagonista della scoperta delle rovine di un’antica metropoli Sciita.

Dopo otto anni, nuove ricerche hanno rivelato la presenza di un insediamento più antico, risalente a circa 2500 anni fa, ritenuto essere appartenuto alla cultura Saci, un antico gruppo di popolazioni per lo più nomadi della Siberia e dell’Asia Centrale, generalmente considerati il ramo orientale degli Sciti e quindi iranici.

Secondo quanto riporta il Siberian Times, le rovine, collocate alla profondità di 23 metri, appartengono ad un avamposto sconosciuto del mondo antico.

I sommozzatori hanno rinvenuto circa 200 manufatti di questa cultura perduta, tra cui un grande vaso di ceramica sul quale sono incise scritture in armeno e siriano, elemento che darebbe credito alla teoria secondo la quale nel Medioevo, sullo stesso sito, era presente un monastero armeno.

cultura-saci

Secondo la tradizione, il monastero sommerso sarebbe l’ultimo luogo di riposo di San Matteo, uno dei discepoli di Gesù e compilatore del primo Vangelo.

«Se le nostre conclusioni saranno confermate, il frammento di ceramica sarà un’ulteriore prova della presenza di un monastero armeno del 14° secolo sul fondo del lago Issyk-Kul, dove la tradizione vuole siano conservate le reliquie di San Matteo», spiega Dmitry Gorn, direttore del Club Skat Tsu di Tomsk.

Il lago Issyk-Kul è il decimo più grande del pianeta e il secondo lago salino più grande dopo il Mar Caspio. La spedizione, guidata dal dottor Vladimir Ploskikh, del dipartimento di storia e cultura presso l’Università del Kirghizistan, si è concentrata nell’esplorazione della parte nord-orientale del lago, la quale si trova sull’antica Via della Seta.

reperti lago Issyk-Kul

«La spedizione archeologica subacquea ci ha permesso di trovare un insediamento Saci finora sconosciuto», continua Gorn. «Abbiamo recuperato oltre 200 reperti, tra cui ceramiche e una falce rituale in bronzo».

La profondità del lago, che non ha sbocco, è variata notevolmente nel corso dei secoli. Chiaramente, in passato non era così profondo come oggi, il che significa che questi antichi insediamenti erano certamente più vicini alla riva. In epoca medievale, il lago era circa 8 metri più basso.

http://www.ilnavigatorecurioso.it/2015/09/21/scoperto-un-insediamento-di-2500-anni-fa-sul-fondo-di-un-lago-siberiano/

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.