TwitterFacebookGoogle+

Scosse scandiscono il tempo nella città sparita

di Lorenzo D’Avanzo

Amatrice – La terra continua a tremare e, ad Amatrice, sono le scosse a segnare il tempo e a trasformare il territorio. Una scossa piu’ forte vuol dire nuovi crolli, strade che diventano inagibili e tutto il sistema dei soccorsi, come dei media, deve adattarsi e cercare una soluzione alternativa a quella stabilita. Il tempo indicato dalle lancette dell’orologio non ha piu’ alcun significato: si vive accettando quel che e’ accaduto e accade, con rassegnazione. D’altronde qui non ci si addormenta veramente e non ci si sveglia mai del tutto: ci si adatta alle circostanze con un atteggiamento di ipnotico automatismo. Non si sente piu’ gente che piange, tutti – i superstiti come i soccorritori – non hanno piu’ voglia di parlare. Dalle 3 e 36 del 24 agosto tutto e’ cambiato, i cartelli delle feste e delle sagre passate e previste sembrano reperti storici trovati nella casa di un parente deceduto da poco. E cosi” gli appuntamenti e le scadenze in agenda, anche per i soccorritori e i tanti addetti al ‘circo mediatico’ , sembrano privi di senso: il pensiero che domani scade la bolletta della luce o l’arrivo del prossimo stipendio non trovano posto nell’agenda mentale. E cosi” come tutte le sensazioni sembrano sbiadire, anche le speranze di trovare altri superstiti si affievoliscono sotto il sole che ricomincia a scaldare l’aria dopo il freddo di questa seconda notte nella citta’ morta. Quando ci si trova bloccati in fila con i soccorritori in una frazione in attesa di poter ritornare nel centro storico e intorno si vede uno splendido panorama di una natura placida, serena e pieno di vita, viene spontaneo chiedersi che c’entra la morte in questo quadro? (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.