TwitterFacebookGoogle+

Scuola: Giannini contestata a Bologna lascia la festa dell'Unita'

(AGI) – Bologna, 24 apr. – Contestazione con tanto di pentole e cucchiai al ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, da parte di un gruppo di manifestanti dei Cobas nel corso della festa nazionale dell’Unita’ a Bologna. Mentre il ministro era sul palco una cinquantina di persone tra insegnanti, studenti e genitori sono entrati all’interno del tendone e al grido di “vergogna, vergogna” hanno interrotto l’iniziativa. Non sono mancati i toni alti ed un paio di manifestanti sono stati portati fuori dalla struttura. Il ministro Giannini ha lasciato la festa dell’Unita’ di Bologna a causa della contestazione. Il dibattito previsto, insieme a Francesca Puglisi, non si e’ svolto per la ‘rumorosa’ presenza dei manifestanti che sono entrati nel tendone con pentole e cucchiai. Dopo una decina di minuti durante i quali gli organizzatori hanno tentato, invano, di riportare la calma il ministro ha lasciato il palco e la festa accompagnata dalle grida “via, via” degli autori della contestazione. “Noi col mondo delle scuola abbiamo parlato, questo non e’ il mondo della scuola”: cosi’ Stefania Giannini ha commentato con i giornalisti l’episodio. Per il ministro dire che il governo non si e’ confrontato sulla riforma della scuola “e’ un falso storico”. Il dibattito e’ stato annullato. “Ho ascoltato – si e’ limitata a dire Giannini mentre usciva – io ho una certa cultura del rispetto”. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.