TwitterFacebookGoogle+

Se si votasse oggi questi partiti resterebbero fuori dal Parlamento

Il Movimento 5 Stelle ed il Partito Democratico si confermano le principali forze politiche del Paese. Se si votasse oggi per la Camera dei Deputati, il Movimento di Grillo otterrebbe il 28,2%, superando di poco più di un punto il PD, attestato al 27%. La Lega avrebbe il 15%, Forza Italia il 14%, Fratelli d’Italia il 5%, Articolo 1 il 4%. Sotto la soglia del 3%, necessaria per l’ingresso a Montecitorio, resterebbero Sinistra Italiana, Alternativa Popolare di Alfano, in calo al 2,2%, e le altre liste minori. È quanto emerge dal Barometro Politico di settembre realizzato dall’Istituto Demopolis.

Il partito dell’astensione al 38%

“Lo scenario resta caratterizzato da un’alta disaffezione al voto – spiega il direttore di Demopolis Pietro Vento – con 38 italiani su 100 propensi all’astensione. E la legge elettorale in vigore, di fatto un proporzionale puro che non lascia intravedere alcun vincitore a chiusura delle urne, non costituisce certamente un incentivo alla partecipazione. Sul piano del consenso, il trend Demopolis vede ormai, dal 2013, PD e Movimento 5 Stelle scambiarsi, a fasi alterne, il ruolo di primo partito in Italia: con l’eccezione delle Europee del 2014, che videro prevalere il PD di Renzi, da circa due anni si rileva una sostanziale parità tra le 2 forze politiche. Con il M5S oggi al 28,2 ed il PD al 27%. La stagione estiva – conclude Pietro Vento – ha segnato intanto un’ulteriore crescita delle tre liste che compongono l’area del Centro Destra”. 

Centrodestra +7% in 10 mesi

La somma dei partiti di Salvini, Berlusconi e Meloni si attesta oggi al 34%, 2 punti in più rispetto a giugno, con un incremento complessivo di 7 punti rilevato dall’Istituto Demopolis negli ultimi 10 mesi. Ben lontani, comunque, così come PD e M5S, da una possibile maggioranza parlamentare.

Gestione immigrazioni priorità degli italiani

Il consenso appare fortemente condizionato dal variare delle priorità dell’opinione pubblica. L’Istituto diretto da Pietro Vento chiede periodicamente ai cittadini di stilare la loro agenda per il Governo del Paese. Se preoccupazione centrale dei cittadini si confermano economia ed occupazione, indicate stabilmente da circa l’80% degli intervistati, a colpire – nell’indagine Demopolis per il programma Otto e Mezzo – è la repentina variazione della scala di priorità: amplificata dai tg e da tutti i media nella stagione estiva, balza al secondo posto, tra le priorità degli italiani, la gestione dell’immigrazione. Con effetti non secondari sulle scelte di Governo e sulle dinamiche del consenso. 

Leggi anche: Migranti, sbarchi e terrorismo: come stanno davvero le cose

Leggi anche: Al vertice sui migranti di Parigi è stata scelta la strategia italiana


Nota informativa – L’indagine è stata condotta dall’Istituto Demopolis, diretto da Pietro Vento, dal 13 al 14 settembre, su un campione di 1.500 intervistati, rappresentativo della popolazione italiana maggiorenne. Supervisione della rilevazione demoscopica con metodologie integrate cawi-cati di Marco E. Tabacchi. Coordinamento del Barometro Politico Demopolis a cura di  Pietro Vento, con la collaborazione di Giusy Montalbano e Maria Sabrina Titone. Approfondimenti e metodologia su: www.demopolis.it

 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.