TwitterFacebookGoogle+

Secondo Steve Bannon il problema non è Cambridge Analytica. Ma Facebook

“I dati di Facebook sono in vendita in tutto il mondo”. Parola di Steve Bannon, l’ex stratega capo del presidente Donald Trump che secondo l’informatico Chris Wylie, gola profonda dello scandalo della Cambridge Analytica, supervisionava il programma per violare milioni di profili Facebook per influenzare le elezioni.

Bannon ha parlato durante un convegno del Financial Times a New York, cercando di smarcare Cambridge Analytica di cui è stato vice presidente, dallo scandalo. “Non sapevo nulla del mining su Facebook”, ha dichiarato in merito alla raccolta dei dati personali. “Non ricordo” di aver comprato dati Facebook da usare per influenzare gli elettori. Bannon ha puntato il dito contro i “giochetti sporchi” di Scl, la società che controlla Cambridge Analytica, smentendo il coinvolgimento del suo benefattore, finanziatore della campagna di Trump e tra i proprietari della società di dati e analisi al centro dello scandalo, Robert Mercer.

“Io ho contribuito a mettere insieme la società”, ha ammesso Bannon durante la sua prima apparizione pubblica dallo scoppio della bufera, putando il dito contro Facebook. “I dati sono tutti lì, loro (Facebook) si prendono la vostra roba gratis – ha attaccato – e monetarizzano grossi margini, si prendono la vostra vita”.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.