TwitterFacebookGoogle+

Sei gay? Non doni il sangue. Bufera all’ospedale di Galatina

Sei gay? Non doni il sangue. Bufera all'ospedale di GalatinaNon hanno potuto donare il sangue perché omosessuali: è successo in Puglia, a Galatina, dove una coppia gay è stata rimandata a casa dall’ospedale perché soggetti a rischio.

I due convivono e sono legati sentimentalmente da ben undici anni, e come non bastasse hanno donato il sangue già diverse volte. Tuttavia prima di poter donare, racconta la Gazzetta del Mezzogiorno, è stato necessario interpellare alti organismi della Regione Puglia.Ci siamo sentiti umiliati, perché c’erano delle persone che hanno visto chiaramente la resistenza da parte del medico, e probabilmente avranno pensato fossimo malati o chissà cosa – spiega Antonio Schimera Ceci, designer trentaduenne – Dovrebbe esserci una normativa specifica che chiarisca una volta per tutte quali siano i soggetti a rischio.Giunto all’ospedale di Galatina insieme al proprio compagno, racconta Antonio, il dottore mi ha detto che noi potremmo essere promiscui, mostrandomi un opuscolo in cui venivano indicati i comportamenti sessuali a rischio. Tra cui, a giudizio del medico, rientra l’omosessualità.

Secondo la ricostruzione dei due, a informare il medico della loro omosessualità sarebbe stata un’infermiera, originaria del loro stesso paese: Le abbiamo chiesto spiegazioni – spiega Antonio – e lei ha detto che non voleva accadesse come la volta scorsa, quando il sangue era stato buttato.Mentre il decreto ministeriale 3 marzo 2005 chiarisce che dalle donazioni sono escluse le persone il cui comportamento sessuale le espone ad alto rischio di contrarre gravi malattie infettive trasmissibili con il sangue, la Gazzetta specifica che esiste anche una nota dell’Avis in cui si attribuisce al medico la responsabilità di individuare quali siano effettivamente quali comportamenti.Dalla direzione sanitaria dell’ospedale cercano di minimizzare l’episodio: Non conosco nel dettaglio la questione – spiega il direttore sanitario Ottavio Narracci – ma mi dispiace che sia accaduta una cosa del genere. Comunque, visto che alla fine hanno donato, tanto rumore per nulla.

Original Article >>

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.