TwitterFacebookGoogle+

Sepolti dalla neve, slavina travolge hotel

Slavina sull’hotel Rigopiano nel comune di Farindola (Pescara) alle pendici del Gran Sasso, almeno 20 persone imprigionate nella struttura sotto la neve e altro materiale trasportato dalla valanga. Da ieri sera il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (Cnsas) “sta intervenendo con quattro squadre provenienti dall’Abruzzo e dalle regioni limitrofe”. Come riferisce Rainews, i soccorritori hanno impiegato ore per raggiungere l’albergo poiché la strada era interrotta a causa di una serie di slavine e materiali (tronchi di alberi) che ostacolavano il cammino. La situazione è ancora critica e secondo le prime informazioni gli uomini del soccorso alpino della Guardia di Finanza e del Corpo Nazionale diel Soccorso Alpino e Speleologico vedono delle luci accese all’interno della struttura ma non hanno sentito voci provenire dall’interno. I soccorritori si sono diretti verso l’hotel Rigopiano preceduti da una turbina.

#Terremoto Emergenza hotel #Rigopiano L’angoscia dei parenti in attesa di notizie a Penne https://t.co/DnkXH3Bpjs

— Local Team (@localteamtv) 19 gennaio 2017

Come riferisce Abr24.it, i soccoritori sono arrivati intorno alle 4,30 e sono in contatto con una persona che è riuscita ad uscire dalla struttura e ha riferito che una slavina ha travolto l’hotel e che una parte dovrebbe essere crollata. Ha detto inoltre che c’erano ospiti, ma non saputo fornire indicazioni sulle loro condizioni. Ci sarebbe anche un’altra persona che èriuscita a lasciare l’albergo e a lanciare l’allarme al 118.   L’albergo ospita 20 clienti e 7 persone di staff. Due persone, Giampiero Parete e Fabio Salzetta – riferisce una fonte del soccorso alpino della guardia di finanza – che si trovavano fuori dalla struttura, sono state messe in salvo.

Soccorritori del CAI a Farindola. L’hotel Rigopiano sommerso dalla neve. Si vede una luce accesa all’interno.#BuongiornoRegione @TgrRai pic.twitter.com/KnQLs3upli

— Tgr Rai Abruzzo (@TgrAbruzzo) 19 gennaio 2017

I soccorritori del gruppo del Cai di Campo Imperatore e il soccorso alpino delle fiamme gialle a fatica, facendosi largo fra 3-4 metri di neve sono arrivati sul posto con gli sci e stanno ora spalando per arrivare all’ingresso dell’hotel che si trova ai piedi del Gran Sasso. La colonna dei mezzi di soccorso deve ancora raggiungere l’albergo.

“Sono in salvo due persone – scrive il presidente della Provincia di Pescara, Antonio Di Marco sul suo profilo Facebook – le stesse che avevano mandato il messaggio di aiuto. Ci sono parecchi feriti, ma non si sa ancora quanti sono ancora dispersi o addirittura morti. Certo che la struttura è stata presa in pieno dalla slavina, tanto che si è spostata di dieci metri!”. Il sindaco di Farindola, Ilario Lacchetta, sempre su Facebook, scrive “la valanga è di grandi dimensioni e ha coinvolto integralmente l’hotel. La zona resta pericolosa per eventuali distacchi”.

 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.