TwitterFacebookGoogle+

Sesso e ricariche

Si vende «sesso» sui mezzi di trasporto che portano studenti e studentesse da Perosa a Pinerolo (e viceversa). Il sistema è molto semplice: mi compro due o tre ricariche telefoniche; avvicino la ragazza o le ragazze che, in un passaparola tutto maschile, si sa che offrono determinati «servizi»; contratto il luogo e il momento del consumo del servizio che ho acquistato e, poi, ciao! La ragazza prende la sua carica – intonsa -, va in un esercizio dove si smerciano le ricariche telefoniche, chiede di poterla restituire e prende in cambio il denaro, che evidentemente spenderà per le sue esigenze. L’età dei partecipanti al «gioco sessuale» è quella tra i quattordici e i diciassette anni; la prestazione si limita a una fellatio. Non c’è di che scandalizzarsi, in fin dei conti, queste ragazze e questi ragazzi sono figlie e figli di una società che, in ogni momento, predica che tutto si può avere, basta avere i soldi, e che, per avere dei soldi, bisogna essere disposti a fare di tutto. Mi chiedo: chi, oggi, «si vende e compra», domani, saprà o potrà riconoscere nell’attesa della soddisfazione del proprio desiderio, il momento che precede e accompagna una scelta di vita, uno stile di esistenza, l’amore? E la passione e la poesia non fanno più parte del loro mondo? E del nostro? Mauro Pons

Original Article >> http://donfrancobarbero.blogspot.com/2014/03/sesso-e-ricariche.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.