TwitterFacebookGoogle+

Sesso, ecco il pene bionico che ha un'erezione se riscaldato

Londra – E’ un pene di metallo che si “attiva” a caldo per aiutare gli uomini con disfunzione erettile ad avere un rapporto sessuale. A svilupparlo è stato un gruppo di ricercatori della Wisconsin University, negli Usa, come riporta The Sun. Il dispositivo è telecomandato e si allunga di 8 pollici, circa poco più di 20 centimetri, quando riscaldato a 42 gradi Centigradi. Una bobina grande poco più di 3 centimetri, inserita chirurgicamente alla base del pene attraverso un’incisione, può essere attivata a distanza.

Primo trapianto di pene negli Usa

Quando arriva il momento di un rapporto sessuale, basta premere il pulsante di un telecomando per creare un campo magnetico che innesca una bassa tensione nella bobina e causa il riscaldamento dell’impianto, il quale si espande rapidamente per tutta la lunghezza e rimane eretto abbastanza a lungo per l’atto sessuale. Il dispositivo è stato realizzato con nitinol, una lega metallica di nichel e titanio, che può cambiare forma a diverse temperature. Il prototipo dovrebbe essere testato sugli animali e nel giro di pochi anni potrebbe essere disponibile per gli esseri umani.

Non è il primo pene bionico della storia della scienza: dopo aver perso i genitali da bambino a causa di un terribile incidente, al 44enne Mohamed Abad di Edimburgo nel 2012 è stata impiantata una protesi avveniristica – realizzata con tessuto epidermico ricavato dalle braccia – del valore di 70mila sterline. Dopo una speciale operazione, l’organo ha acquisito piena funzionalità nel 2015. A marzo del 2016 Abad ha perso la verginità grazie a una escort, Charlotte, che l’ha aiutato a ‘sbloccarsi’ gratis. 

Per approfondire

Daily Mail: Scienziati creano un pene bionico di 8 pollici che cresce quando si riscalda

The Sun: Scienziati sviluppano un pene metallico per aiutare gli uomini con disfunzione erettile

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.