TwitterFacebookGoogle+

Shoah: docce anti-caldo ad Auschwitz, israeliani "sconvolti"

(AGI) – Gerusalemme, 1 set. – Docce per rinfrescare i visitatori accaldati all’entrata di Auschwitz. L’idea – giustificata dall’impennata della temperatura che, in Polonia, ha sfiorato i 38 gradi – ha letteralmente scandalizzato gli israeliani giunti nel campo di concentramento, che hanno inevitabilmente accostato gli impianti da cui fuoriescono nuvole di vapore acqueo alle camere a gas. “Appena sceso dal pullman, mi sono imbattuto in queste docce e sono rimasto sconvolto”, ha riferito un visitatore, Meyer Bolka, al Canale 2 israeliano. “E’ stato un pugno nello stomaco”, ha spiegato, “sono andato alla reception per chiedere spiegazioni e l’impiegata mi ha risposto che era un giorno molto caldo. Le ho detto: con tutto il rispetto, mi ricordano le camere a gas. E lei si e’ scusata”. “La tutela della salute dei visitatori e’ una nostra priorita’ durante il periodo di caldo estremo”, si e’ affrettata a spiegare la direzione con un messaggio su Twitter. In un comunicato pubblicato sul sito web di The Times of Israel, inoltre, il museo ha affermato che “e’ davvero arduo per noi commentare alcuni riferimenti storici suggeriti dalle critiche poiche’ gli spruzzi di acqua vaporizzata non sono assimilabili alle docce e le docce finte installate dai tedeschi dentro alcune camere a gas in realta’ non erano usate per diffondere il gas che usciva da bocchette nel soffitto e nei muri”. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.