TwitterFacebookGoogle+

Si fermano i soccorsi alla Grenfell. “Nessuno può essere ancora vivo”

Si fermano le ricerche dei dispersi nel grattacielo Grenfell Tower nel quale all’1 di mercoledì è divampato un incendio che ha fatto 12 morti e 34 feriti, di cui 18 gravi. Ci sono ancora molti ospiti della struttura e mancano all’appello, tra cui Gloria Trevisan e Marco Gottardi, due giovani itialiani di 27 anni a Londra per lavoro che abitavano al 23° piano del grattacielo. Come ha riferito a Sky News il capo dei pompieri londinesi Danny Cotton, le condizioni dell’edificio, minato dall’incendio, non sono più sicure da permettere ai pompieri di andare avanti entrare in altri piani per proseguire le ricerche dei dispersi causati dal devastante incendio. Poi ha aggiunto che “sarebbe un miracolo traovare ancora qualcuno vivo”.

It is not safe for fire crews to go to the edges of #GrenfellTower. It would be a “miracle” to find anyone else alive, @LFBCommissioner says pic.twitter.com/UuZPmXcII3

— Sky News (@SkyNews) 15 giugno 2017

L’ultimo grido di aiuto: “l’appartamento è pieno di fumo”

Col passare delle ore aumenta la preoccupazuione per la sorte dei due italiani. Il loro ultimo gridom di aiuto è stato raccolto dal padre di Marco Gottardi, Giannino, che, come riporta il Corriere della Sera, ha detto di essere essere stato “al telefono con i ragazzi sino all’ultimo istante”. “Cercava di minimizzare. Penso facesse così per tranquillizzare Gloria e anche mia moglie – ha spiegato l’uomo -..Continuava a garantirci che i soccorsi stavano arrivando e che la situazione si poteva risolvere”. Poi, alle 4.07 di mercoledì mattina, “l’ultimo drammatico contatto” in cui Marco gridava che “il loro appartamento era invaso dal fumo” e che “la situazione diventava d’emergenza”. Più nulla, da allora.

Che cosa ha causato l’incendio?

La causa del fuoco è per adesso sconosciuta. I residenti ai cronisti accorsi sul luogo hanno parlato di un evento catastrofico e alcuni residenti hanno denunciato di aver più volte segnalato la pericolosità dell’edificio, che non avrebbe avuto le dovute misure anti incendio. Finora ci sono 5 ipotesi possibili sulle cause dell’incendio, ricostruite dal Telegraph. 
  • Una fuga di gas: alcuni abitanti parlano di lavori di restruttutrazione fatti recenemente sulle tubature che portano gas agli appartamenti. 
  • Frigo rotto: altri parlano di una famiglia che avrebbe lamentato il malfunzionamento di un frigorifero nelle ultime settimane. 
  • Problemi agli impianti elettrici: sarebbero stati evidenziati più volte dagli inquilini della torre problemi ai cavi di cablaggio. 
  • Rivestimento in zinco: altra ipotesi è che i recenti rivestimenti in zinco fatti in una operazione di ristrutturazione della palazzina avrebbero aiutato il diffondersi delle fiamme.
  • Mancanza di uscite di sicurezza: i residenti ricordano di aver protestato duramente di recente contro il rischio di incendi nell’edificio, un problema apparentemente causato da una ristrutturazione non compiuta secondo le norme un paio di anni fa, dove non sarebbero state previste sufficienti uscite di sicurezza.

Quando è scoppiato l’incendio del Grenfell? 

l fuoco è scoppiato poco prima dell’una di notte, i vigili del fuoco di Londra hanno detto di essere stati chiamati alle 00.54. Secondo diversi testimoni, le fiamme sarebbero cominciate da una parte laterale della torre al secondo-quarto piano dell’edificio, prima di avvolgerlo completamente fino ai piani alti. Circa quaranta camion dei vigili del fuoco sono stati coinvolti nelle operazioni. (Guardian).  

 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.