TwitterFacebookGoogle+

Si tratta sul conto della Brexit. Theresa May raddoppia ma potrebbe non bastare

Theresa May raddoppia nella speranza di sbloccare la trattativa sulla Brexit. L’offerta economica di Londra per chiudere il divorzio da Bruxelles sale da 20 a 40 miliardi di euro. L’Unione Europea, però, chiede 60 miliardi per saldare gli impegni pregressi e la premier deve fare i conti con la fronda interna dei “falchi”, guidati dal ministro degli Esteri, Boris Johnson, e dal ministro dell’Ambiente, Michael Gove, che premono per lasciare il tavolo senza nessun accordo qualora non si raggiunga un’offerta soddisfacente per il Regno Unito.

A rivelare la cifra è il Financial Times, che scrive di una lunga e tesa riunione a Downing Street tra i dieci membri della sottocommissione per la Brexit, i quali avrebbero dato a May un via libera condizionato per annunciare la sua offerta l’8 dicembre. Offerta che, in caso di placet dei Ventisette, verrebbe formalizzata al prossimo Consiglio europeo il 14 ed il 15 dicembre. Un primo scambio di vedute ci sarà venerdì prossimo, quando a Londra arriverà il presidente del Consiglio Ue, il polacco Donald Tusk, con il quale May proverà ad ottenere un rallentamento delle pressioni del capo negoziatore Ue Michel Barnier, bestia nera di Londra. Il Guardian dipinge, invece, un quadro meno ottimistico: secondo il quotidiano vicino ai laburisti, durante la riunione non sarebbe stata discussa alcuna cifra specifica. “La nostra posizione rimane che nulla è stato concordato fino a quando non è stato concordato tutto nei negoziati con l’Ue”, riferisce una fonte di Downing Street. L’ala dei duri capeggiata da Boris Johnson, infatti, continuerebbe a pretendere che un nuovo accordo di libero scambio tra la Ue e il Regno Unito venga chiuso prima che si cominci a parlare di soldi. 

L’offerta di May prevederebbe che, in cambio di un’offerta economica più ricca, Bruxelles accetti di negoziare da subito anche i futuri rapporti commerciali con un periodo di transizione tra l’attuale regime ed il nuovo, laddove la Commissione Europea domanda che prima siano concordati i diritti dei cittadini Ue residente in Gran Bretagna. Oltre ad alzare la posta economica, May intende inoltre proporre che la Corte Europea dei diritti umani continui ad essere competente nel Regno Unito.

Leggi anche: Cosa succede se non si trova un accordo sulla Brexit?

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.