TwitterFacebookGoogle+

Siani: il ricordo del collega "lavora con noi, da un altro luogo"

(AGI) – Roma, 23 set. – “Io ero il collega che trenta anni fa condivideva con Giancarlo Siani il lavoro da Torre Annunziata. Utilizzavamo la sua macchina come redazione e condivisi la vita professionale con lui”. Antonio Irlando, amico di Giancarlo Siani e assessore alla Cultura di Torre Annunziata, luogo di lavoro del cronista campano, ricorda con l’Agi i giorni del lavoro al fianco del cronista ucciso dalla camorra nel 1985. “Per la prima volta dopo trent’anni, abbiamo portato la macchina di Giancarlo a Torre Annunziata. Abbiamo fatto una grande manifestazione, un momento – racconta con commozione Irlando – molto particolare con tutte le scuole di torre annunziata ieri. Tutto alla presenza di piu’ di cinquemila studenti. Giancarlo lavorava da Torre Annunziata, raccontando anche tante cose che non andavano. Un modo per elogiare questa sua testimonianza”. Il ricordo di Giancarlo Siani, a trent’anni dalla sua brutale uccisione, per Irlando “vive”. “La sua figura e’ avvertita come una presenza viva. Vale per chi l’ha conosciuto e anche per chi non l’ha conosciuto e che oggi conserva di lui cio’ che ha appreso. Giancarlo continua a parlare loro e a raccontare fatti e cose che servono a costruire una citta’, fondata sui valori di giustizia, legalita’, di lotta alla Camorra. Insomma l’emozione piu’ bella – commenta Irlando – e’ percepire Giancarlo come una persona presente ed emoziona il suo ritorno, tramite la sua Mehari, a Torre Annunziata. Ieri alcuni ragazzi mi hanno detto una cosa meravigliosa: Giancarlo compie trent’anni e lavora da un altro luogo. Soprattutto sta nobilitando il ruolo e la funzione di giornalista”. (AGI) Rmx/Uba .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.