TwitterFacebookGoogle+

Sicilia: svolta su regionali e pensioni, ma spuntano le assunzioni

(AGI) – Palermo, 30 apr. – Ci sono i tagli ai regionali, la riforma delle pensioni e il progressivo allineamento alle norme statali, con la cancellazione di una serie di privilegi sul fronte delle pensioni e degli stipendi, l’introduzione della mobilita’ obbligatoria e restrizioni sul fronte delle malattie e dei permessi retribuiti e sindacali. Norme volute e incassate dall’uomo piazzato da Graziano Delrio sulla tolda di comando dei dissestati conti della Regione, l’assessore all’Economia Alessandro Baccei. Ma ci sono anche i concorsi che riaprono alle assunzioni nell’amministrazione, la ‘messa in sicurezza’ dei Comuni, dei 20.000 precari degli enti locali, dei 6000 Asu; la riforma delle partecipate e il riordino degli enti. E, poi, il mutuo da 145 milioni e i 674 milioni del Fondo di sviluppo e coesione sottratti agli investimenti per colmare il buco dei conti. Tutto nella Finanziaria con i suoi 102 articoli scritti tra Roma e Palermo, oggetto da ieri di una maratona insidiosa e affannosa in vista del varo sotto la spada di Damocle della fine dell’esercizio provvisorio. Cosi’, e’ lunga anche la notte a Palazzo dei Normanni. La manovra ridetermina l’organico del comparto non dirigenziale in 13.551 unita’ e il persona forestale non dirigenziale in 1250 persone e armonizza il sistema pensionistico regionale a quello nazionale: la norma stabilisce che la pensione non potra’ superare l’85% della media degli stipendi ricevuti negli ultimi cinque anni. In questi giorni i regionali hanno proclamato uno sciopero e tenuto sotto assedio Palazzo dei Normanni e adesso gridano all’incostituzionalita’ della legge e preparano nuove proteste. Un subemendamento Pd consente di potere mettere a concorso un numero di posti – anche per i giornalisti – pari al 10% dei prepensionamenti. Se da un lato quindi si tagliano stipendi e pensioni dei regionali, dall’altro si apre a nuove assunzioni seppure di profili qualificati e laureati. Passa la riforma delle pensioni, con una finestra fino al 31 dicembre 2016 per andare a riposo con la legge ‘pre-Fornero’: le pensioni non potranno superare il 90% della media stipendi degli ultimi cinque anni. Inserita la possibilita’ di una seconda finestra fino al 2020, che scatterebbe in caso di modifica della normativa statale e in tale evenienza il limite e’ all’85%. Passano le misure di razionalizzazione e contenimento della spesa per i forestali che vanno a costituire unica graduatoria distrettuale, riducendo del 20% gli attuali 8000 addetti dell’antincendio. Si cambia sul fronte delle partecipate. Tagliate le figure dei direttore generali e i cda. Ci saranno amministratori unici che godranno di compensi piu’ elevati fino a 90.000 euro (gli attuali erano di 50.000) per le societa’ maggiori, e a 70.000 per quelle minori. Tagliati del 20% i compensi ai vertici e componenti delle commissioni dipendenti dalla Regione. Ok al piano di riordino degli enti eintanto viene soppresso l’ente porto di Messina. La norma ha visto schierati a favore il presidente della Regione Crocetta (“Se non si approva faro’ un decreto domani mattina”) e il presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone (“Da messinese chiedo di scioglierlo perche’ e’ un ente che non serve a nulla, e’ stato la vergogna della Sicilia, un ente che ha un Cda per non fare nulla”. Nel Fondo per l’eliminazione dei residui attivi finiscono 90 milioni di euro per il 2015 e 100 milioni per ciascuno dei due anni successivi. Via libera al nuovo assetto dell’assessorato all’Economia e alla Centrale unica per gli acquisti. Soppresso l’articolo 55 sul sistema informativo regionale che prevedeva l’assegnazione del personale regionale a Sicilia e-servizi al posto dei lavoratori a tempo determinato. Rafforzato il ruolo di Sviluppo Italia Sicilia “quale societa’ strategica per il perseguimento delle finalita’ istituzionali della Regione”. E’ riconosciuto quale soggetto in house “cui i dipartimenti devono prioritariamente rivolgersi per l’affidamento delle attivita’ in tema di creazione d’impresa e di assistenza tecnica in relazione all’utilizzo di fondi comunitari”. E, poi, ecco i contributi a fondo perduto per i Comuni in dissesto per l’emergenza idrica e per i pescherecci, in particolari quelli che hanno subito i sequestri nel Canale di Sicilia. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.