TwitterFacebookGoogle+

Siria, arrivati a Roma 81 profughi grazie a "corridoi umanitari"

Roma. – Sono arrivati a Roma altri 81 profughi siriani, tra cui molti bambini, nell’ambito del progetto dei “corridoi umanitari” frutto di una collaborazione tra governo italiano, Comunita’ di Sant’Egidio, Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia (Fcei) e Tavola Valdese. I profughi, provenienti dai campi del Libano, si aggiungono ai 200 gia’ giunti in Italia da febbraio. Tra i nuovi arrivi ci sono Mariam, bambina di 10 anni costretta in sedia a rotelle perche’ paralizzata dopo esser stata colpita da un proiettile a Damasco e che sara’ accolta a Torino. A curarsi a Torino andra’ anche la 29enne Susanne, malata di cancro e bisognosa di urgenti sedute di chemioterapia, che e’ accompagnata da tre figli uno dei quali e’ stato ferito a una spalla. Il progetto “corridoi umanitari” prevede l’arrivo di un migliaio di persone in due anni, non solo dal Libano, ma anche dal Marocco e dall’Etiopia. Si tratta di un modello replicabile di accoglienza e integrazione, tanto che ormai si sta studiano la sua realizzazione anche in altri Paesi europei.In questo modo si consente a persone in fuga dalla guerra e in “condizioni di vulnerabilita’” (vittime di persecuzioni, famiglie con bambini, donne sole, anziani, malati, persone con disabilita’) di arrivare, in tutta sicurezza e legalmente, in Italia senza rischiare la propria vita nel Mediterraneo. Ad accogliere i profughi all’aeroporto di Fiumicino c’erano Marco Impagliazzo, presidente della Comunita’ di Sant’Egidio, Paolo Naso della Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia e Tavola Valdese, e il vice ministro degli Esteri, Mario Giro. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.