TwitterFacebookGoogle+

Siria, da startup italiana 'mobile game' per far leggere bimbi

Roma – L’istruzione in un palmo di mano, attraverso un gioco da telefonino che insegna a leggere e scrivere ai bambini siriani, ‘generazione perduta’ costretta ad abbandonare la scuola. La startup che ha creato il ‘mobile game’ e’ italiana, Kukua. Grazie all’applicazione era arrivata tra le prime 5 finaliste, su 87 partecipanti, del concorso EduApp4Syria, competizione internazionale promossa e finanziata dalla Norwegian Agency for Development Cooperation (NORAD). Kukua ora ricevera’ un finanziamento complessivo di circa 40mila euro e una consulenza tecnica per continuare a sviluppare e migliorare ulteriormente la versione Alpha dell’App SIMA. Si tratta di un ‘mobile game’, un gioco sul telefonino, a disposizione di bimbi in eta’ compresa tra i 5 e i 10 anni. L’applicazione e’ stata testata in Libano, nella Beqqa Valley, in campi informali di rifugiati dove il team di Kukua ha trascorso diverse settimane con i bambini rifugiati e le loro famiglie. A inizio 2017, saranno annunciati i due team vincitori che riceveranno un ulteriore finanziamento dedito alla distribuzione del prodotto.

“A oggi, l’impegno di Kukua si e’ concentrato in Africa SubSahariana, dove il tasso di analfabetismo e’ molto elevato. Siamo estremamente grati ed emozionati per l’opportunita’ ricevuta dalla competizione EduApp4Syria di espandere il nostro lavoro in Siria, permettendoci di raggiungere molti piu’ bambini e di offrire loro un’istruzione di qualita’, diritto che a causa della guerra non gli viene riconosciuto da anni” ha affermato Lucrezia Bisignani, fondatrice e Ceo di Kukua. Come conseguenza del conflitto siriano, milioni di famiglie sono state costrette ad abbandonare le loro case e circa 2.8 milioni di bambini in Siria e nei paesi limitrofi sono fuori dal sistema scolastico e hanno enormi difficolta’ a proseguire il loro percorso di studio. Una ‘generazione perduta’ che potrebbe essere salvata proprio grazie alla diffusione delle nuove tecnologie. “Laddove le scuole sono state distrutte o danneggiate dall’orrore della guerra, il nostro mobile game SIMA offira’ ai bambini siriani la possibilita’ di mantenere la propria formazione nel palmo delle loro mani” ha detto Bisignani. Kukua e’ costituita da un team internazionale di imprenditori, esperti di alfabetizzazione, psicologi cognitivi, sviluppatori di software e game designer che insieme sviluppano un ‘gioco’ da telefonino che offre opportunita’ di istruzione a bambini che vivono in situazioni svantaggiate. Insieme a SIMA Kukua sta sviluppando SEMA, un mobile game che insegna a leggere, scrivere e fare matematica di base ai bambini in Africa SubSahariana e che e’ in gara per il premio di $15M del Global Learning XPRIZE. (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.