TwitterFacebookGoogle+

Siria: Erdogan vuole citta' per rifugiati nel nord

(AGI) – Ankara, 5 mar. – Come risolvere il problema del flusso di migranti in fuga dalla guerra in Siria? “Fondiamo una citta’ nuova per i rifugiati nel nord” di quel Paese: questo l’inedito piano lanciato da Istanbul dal presidente turco Recep Tayhyip Erdogan il quale, citato dall’agenzia di stampa ufficiale ‘Anadolou’, ha affermato di averne parlato persino con l’omologo americano Barack Obama. Dovrebbe sorgere su un’area di circa 4.500 chilometri quadrati, pari a un terzo dell’area metropolitana di New York, a ridosso della frontiera con la Turchia, e le infrastrutture andrebbero costruite con la collaborazione della comunita’ internazionale. Vi sarebbero cosi’ “reinsediati” i profughi, per un totale di alcuni milioni di persone: sicuramente, vista l’ampiezza della superficie ipotizzata, piu’ dei 2,7 che attualmente Ankara ospita sul proprio territorio. Ancora da stabilire invece la tempistica della realizzazione. “Con il signor Obama ne abbiamo discusso, e persino fissato le coordinate geografiche”, ha assicurato Erdogan, “ma finora in concreto non se e’ fatto niente”.
La zona indicata dal leader turco e’ approssimativamente la stessa che aveva gia’ suggerito qualche mese fa per istituire nel Paese confinante una ‘zona-cuscinetto’ al sicuro dalle milizie dello Stato Islamico, e dove accogliere gli sfollati. La nuova proposta appare come l’evoluzione di quell’idea, ulteriormente ampliata
.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.