TwitterFacebookGoogle+

Siria, l'Isis perde la città dell'Apocalisse

Beirut – Dabiq e’ caduta. La città siriana cruciale per l’ideologia dello Stato islamico, poiché una profezia sunnita vi colloca lo scenario della battaglia finale tra cristiani e musulmani nel giorno dell’Apocalisse, è stata strappata al controllo dell’Isis dai ribelli siriani sostenuti dalla Turchia. I miliziani, riferisce la ong Osservatorio siriano per i diritti umani, “hanno catturato Dabiq e l’Isis si è ritirato”.

Sitto attacco costante in Iraq e Siria, il Califfato continua a vedere ridotta la sua superficie. Stando all’ultimo rapporto dell’Ihs Conflict Monitor, nei primi nove mesi del 2016 il territorio controllato dai jihadisti si è ridotto del 16% (da 78mila chilometri quadrati a 65mila), dopo che già nel 2015 era passato da 90.800 chilometri quadrati a 78mila, con una perdita di territorio del 14%.

A conquistare Dabiq è stato l’Esercito siriano libero, una delle sigle dell’opposizione al presidente, Bashar al Assad, sostenuta da Ankara. Secondo l’emittente televisiva “al Arabiya”, dopo una violenta battaglia che ha provocato diversi morti e feriti tra le fila del gruppo jihadista, l’Esercito libero ha conquistato anche la zona di Suran. I combattenti dello Stato islamico (Isis) nel nord della Siria avevano opposto nei giorni scorsi una forte resistenza agli attacchi dei ribelli sostenuti dalle forze di sicurezza turche. Lo riportava un comunicato stampa dell’esercito turco, secondo cui a causa della situazione non era stato possibile portare a buon fine un’offensiva per liberare quattro insediamenti controllati a est della città di Azaz: Kafrah, Suran, Ihtimalat e Duvaybik.

Nel comunicato stampa, l’esercito turco sottolineava che grazie al sostegno fornito dai carri armati e dall’aviazione i ribelli appoggiati da Ankara sono comunque riusciti ad avanzare verso la simbolica roccaforte di Dabiq.  L’agenzia turca Anadolu ha riferito che i ribelli dell’Esercito libero hanno preso il controllo anche di Soran e hanno lavorato tutta la notte per sminare le strade che portano alle due città. La stessa agenzia riporta che fonti militari avrebbero dichiarato “terminata la parte più difficile” dell’operazione ‘Scudo dell’Eufrate’, aggiungendo che le manovre militari continueranno. 

A Dabiq secondo le profezie dovrebbe avvenire la battaglia finale tra le forze dell’Islam e quella dei bizantini (cristiani), nel giorno dell’Apocalisse. Per questo l’Isis l’aveva occupata nonostante sia un centro marginale in Siria. Dabiqera anche il nome della rivista tradotta in molte lingue con cui il Califfato ha diffuso per mesi la sua ideologia nel mondo. (AGI)
 
 
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.