TwitterFacebookGoogle+

Sisma, almeno 267 morti. Nuove scosse nella notte

Roma – La terra non smette di tremare nelle zone colpite dal terremoto nel centro Italia, che da un bilancio aggiornato al mattino della Protezione civile ha causato almeno 267 morti  e 387 feriti. Alle 6:28 di questa mattina una scossa di magnitudo 4.8 ha causato nuovi crolli ad Amatrice, senza causare feriti tra i Vigili del fuoco impegnati nelle ricerche tra le macerie dell’Hotel Roma e di una casa privata. Nella notte erano state registrate altre quattro scosse, tra le 2 e le 2.30, la più forte di 3.8 gradi Richter (il sisma era stato di magnitudo 6.0),secondo l’Istituto nazionale di Geofisica e vulcanologia (Ingv). L’attività sismica ha reso ancora più difficile la notte delle centinaia di sfollati nelle tendopoli, già costretti a fonteggiare una temperatura scesa a 8-10 gradi.

Ad Amatrice venerdì sera erano stati estratti altri quattro cadaveri all’interno dell’Hotel Roma, l’abergo simbolo di Amatrice. Il numero delle vittime arrivato a 267 morti e 387 feriti fa temere un bilancio “peggiore di quello dell’Aquila”, come evidenziato anche dal capo della Protezione civile Fabrizio Curcio. “Se accadra’ non ne saremmo sorpresi ma speriamo di no”, ha affermato. 

 

Postiglione (Protezione civile) “centri piccoli, difficile intervenire” VIDEO

Sisma nel reatino, colpito il cuore dell’Italia – FOTO

Ricostruzione e prevenzione, ma anche orgoglio per la reazione dell’Italia. Sono questi i temi chiave toccati dal premier Matteo Renzi nella conferenza stampa – al termine del Consiglio dei ministri – in cui ha lanciato il progetto di prevenzione ‘Casa Italia’. Il premier ha inoltre annunciato la delibera dello stato di emergenza, con i primi 50 milioni di euro in aiuti, e il blocco delle tasse per le popolazioni colpite dal sisma.

Il devastante sisma nel centro Italia, le operazioni dei soccorritori – VIDEO

Renzi, ricostruire è priorità per l’Italia

Mentre continuano le ricerche e la macchina degli aiuti e’ sempre piu’ forte, le scosse sismiche non si fermano: una in particolare, di magnitudo 4.3, alle 14,36 di questo pomeriggio, ha di nuovo fatto tremare la terra nel Reatino e ha lesionato il Palasport di Amatrice, utilizzato come magazzino di beni di prima necessita’ in cui venivano distribuite vivande. L’edificio e’ stato evacuato. I tecnici dell’Enel hanno compiuto diverse verifiche sulle dighe, in particolare su quella di Scandarello, e non sono emerse “situazioni anomale”.

Amatrice: estratta viva una persona dalle macerie – VIDEO

Intanto, la Procura di Rieti ha aperto un’indagine per disastro colposo e nei prossimi giorni, dopo aver espletato tutte le procedure per il riconoscimento delle vittime e per la loro sepoltura, verifichera’ lo stato dei crolli, tra cui quelli della scuola di Amatrice e del campanile di Accumoli, anche recentemente ristruttati. E nella sera e’ arrivata la notizia dell’arresto per un episodio di sciacallaggio ad Amatrice: in manette un pluripregiudicato napoletano, sorpreso dal carabinieri mentre tentava di aprire la serratura di una casa di sfollati con un cacciavite.

Amatrice, Vinicio e’ salvo ma si cerca ancora la mamma

Sempre piu’ imponente l’impegno e il lavoro degli operatori della sicurezza: sono 2.137 gli uomini al lavoro nelle aree colpite dal sisma, come ha riferito il ministro dell’Interno Angelino Alfano, dopo la riunione di coordinamento da lui presieduta nella sala operativa nazionale dei vigili del fuoco. Tra i numeri forniti dal ministro, anche quelli di 215 interventi di salvataggio realizzati, cioè persone estratte vive dalle macerie. E si inizia anche a fare una ‘mappatura’ dei beni culturali danneggiati: un pesante bilancio, quello tracciato dal ministro Dario Franceschini, che ha rilevato come tutti gli immobili di rilevanza culturale (in totale 293) della zona abbiano riportato danni.

Tutti gli incassi dei musei statali di Domenica 28 agosto saranno destinati ai territori terremotati. #terremoto #museitaliani #mibact

— Dario Franceschini (@dariofrance) 25 agosto 2016

Praying for the people in Italy who are suffering from earthquake. My family will make a donation to help repair these beautiful cities.

— Lady Gaga (@ladygaga) 24 agosto 2016

Scossa nell'”Ora del Diavolo”, 4 minuti dopo l’Aquila

Per sostenere i terremotati, numerosissime le raccolte fondi avviate: Slow Food – per citarne una – propone 2 euro per le popolazioni colpite dal sisma per ogni piatto di amatriciana consumato in tutto il mondo, invitando tutti i cuochi del pianeta a inserire per un anno nei loro menu il celebre piatto originario proprio di Amatrice. Sul web, infine, diverse petizioni chiedono di destinare come aiuto ai superstiti il jackpot del Superenalotto, giunto a quasi 130 milioni di euro. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.