TwitterFacebookGoogle+

Sono 110 i morti per l'aereo caduto a Cuba. Cosa sappiamo finora

È di 110 morti il bilancio del disastro aereo avvenuto a Cuba, dove un Boeing 737 della compagnia di bandiera Cubana de aviacion appena decollato da L’Avana si è schiantato e incendiato nell’impatto al suolo in una zona agricola. Solo tre donne sono estratte vive dai rottami, e sono state ricoverate nell’ospedale “Calixto Garcia” della capitale cubana. Le loro condizioni sono gravi.

Le autorità cubane non hanno fornito dettagli sulla nazionalità delle vittime. La Farnesina sta verificando se siano coinvolti italiani. Sul volo viaggiavano 103 passeggeri e 9 membri dell’equipaggio. Nessuno di questi ultimi era cubano. Tra i passeggeri c’erano anche cinque bambini, uno dei quali di meno di due anni. Il Boeing era in servizio su una rotta interna ed era diretto a Holguin, nella parte orientale dell’isola.

Il presidente di Cuba, Miguel Diaz-Canel, si è subito recato sul luogo dell’incidente, a circa un chilometro e mezzo dal Terminal 1 dell’aeroporto internazionale “Josè Marti'” de L’Avana, accompagnato da diversi ministri ed esponenti del Partiro comunista. La risposta dei soccorsi è stata “immediata”, ha detto il presidente. “Si è subito dato corso – ha affermato Diaz-Canel – a tutte le azioni previste dai piani per eventi di questo tipo. Si è organizzato tutto, sono state domate le fiamme, si stanno identificando i resti ed è stata gia’ istituita una commissione per indagare sui fatti”.

Diaz-Canel ha assicurato che “verranno svolte tutte le indagini” per accertare le cause dell’incidente, e ha espresso il suo cordoglio ai familiari delle vittime. I primi ad accorrere dopo il disastro, ha riferito il presidente, sono stati abitanti della zona che si sono prodigati per assistere i feriti. 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.