TwitterFacebookGoogle+

Sospeso il divieto burkini a Villeneuve-Loubet

Roma – Il Consiglio di Stato francese ha sospeso il divieto del burkini a Villeneuve-Loubet, sulla Costa Azzurra, dopo che la misura adottata da diversi comuni contro il costume femminile islamico era stata chiamata in causa dalla Lega dei diritti dell’uomo e dal Collettivo contro l’islamofobia in Francia. Lo riferiscono media locali.

Dalla Costa Azzurra alla Liguria, boom di pendolari del burkini

La piu’ alta corte amministrativa francese si e’ cosi’ espressa sulla decisione del tribunale che aveva confermato il divieto comunale all’uso del burkini sulla spiagga di Villeneuve-Loubet in nome dei “buoni costumi e della laicita’”. Sono una trentina i comuni che nelle ultime settimane hanno messo al bando il costume femminile in linea con i dettami islamici sostenendo che, in un momento di allarme come quello che sta vivendo il Paese alla luce dei recenti attentati, puo’ essere letto come una provocazione che alimenta le tensioni. Di tutt’altra opinione la Lega per i diritti umani, secondo cui l’ordinanza viola il diritto alla liberta’ di religione. 

Per i tre giudici, “le restrizioni apportate dal sindaco alle liberta’ devono essere giustificate da rischi provati di violazione di ordine pubblico”. “La tenuta adottata in vista del bagno da certe persone”, in questo caso il burkini, non rappresenta un rischio del genere. La sentenza vale per Villeneuve-Loubet, mentre negli altri comuni resta in vigore il divieto fino a quando non viene contestato di fronte alla giustizia, ma la decisione del Consiglio di Stato sara’ ora giurisprudenza, aprendo cosi’ la strada alla revoca delle ordinanze restrittive. 

La questione ha sollevato un intenso dibattito in Francia, ma anche in tutta Europa. Proprio stamane, la Germania ha fatto sapere che sono allo studio misure analoghe sul burkini dopo che la settimana scorsa il ministro dell’Interno, Thomas de Maiziere, aveva ribadito pero’ il divieto del velo integrale (burqa o niqab) nei luoghi pubblici, scuole, universita’ e tribunali. 

Due giorni fa una donna sulla spiaggia di Nizza è stata costretta da un gruppo di poliziotti a togliersi il burkini che indossava. Le foto hanno fatto il giro del web, suscitando sdegno e infiammando il gia’ teso dibattito sul costume femminile islamico, vietato in 15 comuni francesi. Dalle immagini, di cui si ignora la fonte, pubblicate sui media britannici si vede una donna sulla spiaggia che indonna dei leggins, una tunica e il velo, e intorno a lei 4 agenti. Via via che scorrono le immagini, la donna si toglie la tunica mentre un poliziotto sembra scrivere una multa.(AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.