TwitterFacebookGoogle+

SPERIAMO MA……

Non c’è dubbio che alcune nomime episcopali lascino intendere la volontà del papa di rinnovare l’episcopato con personalità di forte accentuazione pastorale. Il che è certamente un passo importante. Ma …c’è un ma…Il papa sceglie quasi sempre uomini aperti e vicini alla gente, ma si tratta di vescovi assolutamente fedeli al dogma cattolico, con totale adesione alla teologia tradizionale. Si pensi che nulla è cambiato a livello profondo sul ruolo delle donne, sulla concezione della famiglia, rispetto all’etica sessuale e alle unioni omosessuali. Su questi terreni papa Francesco lascia poco spazio alla speranza di un profondo rinnovamento. Tutto questo va detto non per sminuire il coraggioso operato del vescovo di Roma, ma per rimuovere le facili esaltazioni e le molte illusioni. C’è un segnale evidente: si sta sviluppando una ecclesiologia pastorale che si schiera nettamente dalla parte dei poveri e, nello stesso tempo, non rimette in discussione le strutture profonde della dogmatica cristologica e dell’antropologia cattolica tradizionale. Come numerosi teologi e teologhe rilevano, qui si apre una contraddizione: “E’ possibile una radicale conversione della chiesa come istituzione e come popolo senza rimettere in discussione alcune posizioni etiche e alcune formulazioni dogmatiche?” Presto o tardi queste rimozioni dovranno essere affrontate. Franco Barbero

Original Article >> http://donfrancobarbero.blogspot.com/2014/01/speriamo-ma.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.