TwitterFacebookGoogle+

Spiagge sicure: il Viminale effettuta 1.154 controlli, sequestrati beni per 600 mila euro

Più di mille controlli con 1.154 contestazioni e oltre 93 mila beni sequestrati per un valore superiore ai 600 mila euro. E ancora: 174 assunzioni a tempo determinato, quasi 9 mila ore di lavoro straordinario, campagne informative, acquisto di mezzi e attrezzature per circa 584 mila euro. Sono alcuni dei risultati ottenuti in tutta Italia nella prima fase di ‘Spiagge sicure’, il progetto fortemente voluto dal ministro dell’Interno Matteo Salvini e che ha coinvolto 54 Comuni (in dodici regioni) che hanno aderito all’iniziativa del Viminale. I dati sono aggiornati al 9 agosto e si riferiscono alle prime settimane di attività.

I sindaci interessati – ed è la prima volta che accade, sottolinea una nota del ministero dell’Interno – hanno potuto attingere a un fondo da circa due milioni e mezzo di euro per garantire un migliore controllo del territorio nel periodo estivo. “Dopo Ferragosto gli interventi saranno intensificati. Abbiamo imboccato la strada giusta, e l’anno prossimo andrà ancora meglio perché i sindaci si sono accorti che finalmente si fa sul serio”, commenta Salvini. 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.