TwitterFacebookGoogle+

Spunta una nona donna che accusa Trump di molestie

Washington – Quando mancano 24 giorni alle elezioni presidenziali Usa dell’8 novembre oggi si è aggiunta un’altra donna, la nona secondo una conta ufficiosa, ad accusare pubblicamente il candidato repubblicano Donald Trump di averla molestata negli anni passati. L’ultima a parlare, scrive il britannico Guardian, è Cathy Heller, oggi 63enne, di New York.

I suoi amici ed i parenti conoscevano già la storia: l’evento risale al 1997 ad un pranzo per la festa della mamma. Teatro delle presunte molestie uno dei luoghi preferiti di Trump: la sua villa/club a Mar-a-Lago in Florida. Heller racconta che era al club “con suo marito, i tre figli ed i cognati” insieme a decine di persone sedute intorno ad un grande tavolo.

Trump girava intorno salutando i membri del suo club e quando si fermò al loro tavolo Heller ricorda ch sua suocera la presentò. Lei si alzo, e tese la mano per stringergliela. “Lui mi prese (la mano) e mi afferrò e cercò di baciarmi” racconta. Allarmata si tirò indietro e stava quasi cadendo perdendo l’equilibrio.

E lui mi disse, ‘ma andiamo’. Era forte. Mi afferrò e tentò di baciarmi sulla bocca‘”. Heller ricorda che “girò la testa e così Trump riuscì solo a baciarla sul un lato della bocca. “Mi trattenne in quella posizione troppo a lungo e poi se ne andò via. Ero scossa e arrabbiata”. Lui era imbufalito. Non riusciva a credere che una donna si sarebbe lasciata sfuggire un’opportunità come quella perché, ha aggiunto, si sentiva come “autorizzato” a baciarla.

Il Guardian ha verificato il racconto con altre due persone, due amiche di Cathy Heller (Susan Klein, cui la storia venne raccontata dalla stessa donna pochi gionri dopo, quando Trump – va ricordato – era solo un costruttore) ed una parente che era seduta quel giorno al tavolo che, temendo rappresaglie non ha voluto rivelare il suo nome, ma ha confermato che una volta tornata al tavolo la donna era sconvolta Il Guardian precisa che Heller ha rivelato che, a parte la storia di olrmai quasi 20 anni fa, è una sostenitrice della canididata democratica HIllary Clinton cui ha donato 2.700 dollari, il massimo consentito dalla legge. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.