TwitterFacebookGoogle+

Stephen Hawking: l’intelligenza artificiale potrebbe distruggere la nostra civiltà

Al Web Summit di Lisbona il fisico britannico mette in guardia dal pericoli dell’A.I.

Pubblicato il 07/11/2017 –

Lo sviluppo dell’intelligenza artificiale «potrebbe essere il peggior evento della storia della nostra civiltà» se non riusciremo a gestirla meglio. Lo sostiene il fisico Stephen Hawking intervenendo al Web Summit di Lisbona. «In teoria i computer possono emulare l’intelligenza umana e perfino superarla. Il successo nella creazione dell’intelligenza artificiale potrebbe essere il più grande evento nella storia della nostra civiltà. O il peggiore. Non lo sappiamo. Non possiamo sapere se l’Intelligenza Artificiale ci aiuterà o ci distruggerà».

«Se non ci prepariamo a gestirla – aggiunge – per evitarne i rischi potenziali, l’intelligenza artificiale potrebbe essere il peggior evento della storia della nostra civiltà. Porta con sé pericoli, come potenti armi automatiche, nucleari o biologiche, o nuovi modi per consentire a pochi di opprimere le moltitudini. Potrebbe portare a grandi distruzioni nella nostra economia». Per questo occorre «attuare delle buone pratiche e capacità manageriali efficaci». «Io sono un ottimista – prosegue Hawking – e credo sia possibile creare intelligenza artificiale per il bene del mondo. Questo creerebbe più armonia. Dobbiamo semplicemente essere consapevoli dei pericoli, identificarli, impiegare i migliori esempi e il miglior management e prepararci per tempo alle conseguenze.

Non è la prima volta che il fisico britannico mette in guardia dal pericoli dell’A.I. ed è in buona compagnia, visto che anche il miliardario visionario Elon Musk l’ha fatto. Recentemente Musk ha sostenuto che l’A.I. potrebbe essere responsabile di una Terza Guerra Mondiale. «Va regolamentata – aveva detto Musk – prima che sia troppo tardi».

http://www.lastampa.it/2017/11/07/tecnologia/idee/stephen-hawking-lintelligenza-artificiale-potrebbe-distruggere-la-nostra-civilt-hIgXYc4oQ54uN6lBkQ61KL/pagina.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.