TwitterFacebookGoogle+

Strage Dacca, Governo "commando bengalese e non Isis"

Dacca – I terroristi che hanno ucciso venti persone in un ristorante di Dacca non appartenevamo all’Isis ma “erano membri di Jamaeytul Mujahdeen Bangladesh”, un gruppo estremista che “non ha legami con lo Stato islamico”. Ad affermarlo e’ il ministro dell’Interno bengalese, Asaduzzaman Khan. Jamaeytul Mujahdeen Bangladesh e’ bandito da almeno dieci anni nel Bangladesh, il cui governo continua a negare la presenza dell’Isis sul proprio territorio. Il settimo componente del commando e’ in queste ore interrogato dall’intelligence del paese. I miliziani, ha aggiunto il ministro, non provenivano da fasce sociali povere bensì da famiglie ricche, ed erano in possesso di istruzione universitaria. “Nessuno di loro e’ stato istruito in una madrasa”, ha spiegato Khan, riferendosi alle scuole islamiche. Sul perché fossero diventati estremisti, Khan ha risposto: “Ormai e’ diventata una moda” esserlo.

Bangladesh, dalla tolleranza al fondamentalismo

Nella strage sono rimasti uccisi nove italiani.Solo un nostro connazionale presente nel locale, Gianni Boschetti, è riuscito a fuggire dal giardino, mettendosi in salvo. Un decimo italiano che mancava all’appello è risultato poi non essere presente nel ristorante. Le vittime dell’attacco sono in tutto 20, fra cui sette giapponesi e un americano. Alcuni degli ostaggi sopravvissuti (13 sono stati messi insalvo dal blitz delle forze di sicurezza bengalesi che ha messo fine all’azione dei terroristi),sono stati risparmiati – hanno raccontato – perché conoscevano versi del Corano, mentre altri sono stati torturati. “Gli assalitori non si sono comportati male con i connazionali del Bangladesh – ha riferito uno degli ostaggi sopravvissuti ,Rezaul Karim – controllavano la religione, chiedevano a ognuno di recitare versi del Corano. Quelli che sapevano recitarli venivano risparmiati, gli altri torturati”. Secondo il generale Nayeem Ashfaq Chowdury, capo delle operazioni militari, gli ostaggi sono stati uccisi colpi di armi affilate, probabilmente di machete. 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.