TwitterFacebookGoogle+

Strage di pinguini in Antartide, 150.000 a causa di un iceberg

Londra – Un’autentica strage di pinguini di Adelia si e’ registrata al Polo Sud per cause del tutto naturali. Un gigantesco iceberg delle dimensioni di Roma, scrive il britannico Guardian, e’ andato a cozzare nel 2010 contro la loro colonia a Cape Denison ostacolando l’accesso al mare, e ai pesci di cui si nutrono, ai pinguini. Questo ha obbligato gli ‘uccelli’ a compiere un viaggio di 60 km per raggiungere le acque antartiche ricche di pesci e altrettanti per tornare alla colonia. Una distanza impossibile da superare per i dondolanti pinguini che alla fine sono letteralmente morti di fame. Dei 160.000 registrati nel 2011 oggi ne sopravvivono solo 10.000 e i ricercatori del Climate Rsearch Center australiano prevedono che in 20 anni anche questi moriranno a meno che l’iceberg conosciuto con la sigla B090B non si frantumi riconsentendo l’accesso al mare agli esemplari sopravvissuti. (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.