TwitterFacebookGoogle+

Strage immigrati: Gip convalida fermi scafisti e dispone carcere

(AGI) – Catania, 24 apr. – Il gip di Catania Rosa Alba Recupido ha convalidato i fermi dei due presunti scafisti del barcone naufragato al largo della Libia. Disposta la custodia cautelare in carcere. Accolte, dunque, le richieste della procura diretta da Giovanni Salvi. Prosegue intanto l’incidente probatorio. “Il gip ha convalidato il fermo e disposto la carcerazione – spiega alla stampa il procuratore di Catania Giovanni Salvi – riconoscendo il ruolo dei due soggetti come capitano e membro dell’equipaggio”. Il capitano “ha determinato – ha aggiunto – con manovre errate l’affondamento del barcone enormemente sovraccarico. Nessuna responsabilita’ – ha ribadito – a carico del capitano della nave portoghese che ha collaborato molte ore per il recupero dei naufraghi”. L’incidente probatorio e’ ancora in corso, ha affermato Salvi, “sono piu’ complessi di quanto immaginavamo. E’ stato fatto un dettagliato racconto dell’intero viaggio dalla partenza al naufragio. I migranti sono stati tenuti a lungo rinchiusi prima di essere imbarcati e sottoposti a episodi di violenza per mantenere l’ordine e per farli entrare in stiva”. Il presunto capitano del peschereccio, il tunisino 27enne Mohammed Ali’ Malek, risponde di naufragio colposo, omicidio colposo plurimo, sequestro di persona, aggravato dalla presenza di minori, e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. L’aiutante del comandante, Mahmud Bikhit, siriano di 25 anni, risponde solo di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Quest’ultimo nei giorni scorsi ha accusato il tunisino che ha respinto ogni responsabilita’. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.