TwitterFacebookGoogle+

Strage Isis a Baghdad, oltre 200 morti

Baghdad – Sono almeno 213 le vittime dellattentato-kamikaze di sabato notte a Baghdad. Il governo iracheno ha fornito un nuovo, ancor piu’ pesante bilancio dell’attacco rivendicato dall’Isis che ha preso di mira un quartiere prevalentemente sciita.
Un kamikaze del gruppo estremista sunnita ha fatto esplodere una vettura imbottita di esplosivo in piena notte, in una strada nel quartiere commerciale di Karrada. L’attentato, che ha seminato la morte tra famiglie e giovani che erano in strada al termine della giornata di digiuno del Ramadan, ha fatto anche oltre 200 feriti. Il Governo ha proclamato tre giorni di lutto nazionale per le vittime dell’attentato più letale nella capitale irachena dallo scorso anno. Attentato che ha evidenziato per l’ennesima volta l’incapacità del governo di mettere in atto misure di sicurezza efficaci. Il premier Haider al-Abadi, che domenica si e’ recato sul luogo della strage, e’ stato pesantemente contestato dalla folla: il convoglio delle auto e’ stato preso di mira dal lancio di sassi e scarpe. Il premier ha comunque annunciato la revisione di alcune misure di sicurezza.

L’esplosione e’ avvenuta intorno all’01:00 ora locale di domenica (quando in Italia era ancora la mezzanotte di sabato),di fronte a un notissima gelateria, Jabar Abu al Sharbat, nel quartiere di Karrada, abitato da una popolazione prevalentemente sciita. La gelateria e’ la piu’ popolare e antica della capitale irachena e in quel momento era affollatissima, come sempre accade durante il Ramadan, quando e’ abituale continuare le notti in strada in attesa del Suhur, l’ultimo pasto prima di tornare a digiunare il giorno dopo. L’attentato ha provocato danni ingenti alla strada principale di Karrada: vari negozi e veicoli hanno preso fuoco o sono stati danneggiati dall’esplosione. L’Isis, che già nel passato ha compiuto attentati a Karrada, ha rivendicato anche stavolta la sanguinosa azione, con un comunicato firmato Wilayat Baghdad (Provincia di Baghdad),in cui ha confermato che gli obiettivi erano gli sciiti. Sempre domenica, un’altra autobobomba e’ esplosa nel popolare mercato di Shalal, nella zona di al Shabaab, anch’esso a maggioranza sciita. L’attentato ha causato la morte di un civile e ne ha feriti altri cinque. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.