TwitterFacebookGoogle+

Strage nel Casertano: lite con i vicini per un parcheggio, agente uccide 4 persone

(AGI) – Napoli, 13 lug. – Lite per un parcheggio nel Casertano sfocia in tragedia: Luciano Pezzella, agente di polizia penitenziaria, questa mattina con la sua pistola d’ordinanza, dopo l’ennesima lite, ha ucciso i suoi dirimpettai in via Carducci a Trentola Ducenta, nel Casertano. Pezzella ha ucciso Michele Verde, 61 anni, la moglie Vincenza, 58 anni, e il figlio della coppia Pietro, 23 anni, e Francesco Pinestra, per il parcheggio del furgocino dell’operaio. I dissapori tra i due nuclei familiari erano continui, spesso legati proprio a questioni di parcheggio, e stamani sono sfociati in un diverbio al termine del quale l’agente e’ tornato a casa a prendere la sua arma e ha sparato contro i quattro, uccidendo subito la famiglia Verde, mentre l’operaio e’ morto in ospedale per le ferite riportate mentre tentava di allontanarsi alla guida del furgoncino. A salvarsi solo la fidanzata di Pietro, che dormiva nell’abitazione dei Verde al momento della strage. Pezzella si e’ presentato in caserma spontaneamente. Tutto ha avuto inizio questa mattina, alle 8.30, quando e’ arrivato il furgone che avrebbe dovuto caricare frutta e verdura nelle cassette vuote, guidato da Francesco Pinestra che lavorava con Michele Verde; l’agente di polizia penitenziaria si e’ infuriato perche’, come in altre occasioni, il furgone bloccava la sua vettura. Prima se n’e’ lamentato a voce, poi e’ andato nella sua abitazione e ha preso la pistola sparando contro Pinestra. A quel punto e’ intervenuto Verde, ferito mortalmente mentre era sul pianerottolo di casa. Infine la moglie e il figlio sono stati colpiti a morte mentre cercavano di aiutare il 61enne. .

Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.