TwitterFacebookGoogle+

Strage Piazza della Loggia: dopo 41 anni ci sono i colpevoli, ergastolo a Maggi e Tramonte

(AGI) – Milano, 23 lug. – La seconda sezione della corte di Assise di Appello di Milano ha condannato all’ergastolo l’ex ispettore veneto di Ordine Nuovo Carlo Maria Maggi e l’ex fonte dei servizi segreti Maurizio Tramonte nel processo di appello bis sulla strage di Piazza della Loggia. I familiari delle vittime della strage di piazza della Loggia presenti nell’aula della Corte di Appello dove Carlo Maria Maggi e Maurizio Tramonte sono stati condannati all’ergastolo, hanno accolto in lacrime la sentenza. Il verdetto viene definito “decisivo per la storia del Paese” da Manlio Milani, presidente dell’associazione familiari vittime della stage di piazza della Loggia che quel giorno di 41 anni fa perse la moglie. L’attentato del 28 maggio 1974 provoco’ la morte di otto persone e il ferimento di un centinaio in piazza della Loggia, a Brescia.

Strage Piazza della Loggia: tutte le notizie dell’Archivio – Agi

Questa la cronologia dei fatti:

– 28 maggio 1974: alle 10:02 in Piazza della Loggia a Brescia esplode una bomba nascosta in un cestino dei rifiuti durante una manifestazione antifascista indetta dai sindacati e dal Comitato Antifascista. Muoiono otto persone, si contano un centinaio di feriti.

– 2 giugno 1979: I giudici della Corte d’assise di Brescia condannano all’ergastolo Ermanno Buzzi e a dieci anni Angelino Papa, esponenti dell’estrema destra cittadina. Assoluzioni e condanne per reati minori per altri 16 inquisiti.

– dicembre 1981: Buzzi viene ucciso nel supercarcere di Novara, strangolato coi lacci delle scarpe, da altri due detenuti vicini alla destra piu’ agguerrita, poco prima che inizi il processo d’appello. I due killer, Mario Tuti e Pierluigi Concutelli, motivano l’omicidio con il fatto che Buzzi fosse un “pederasta” e confidente dei carabinieri, ma forse temevano le sue possibili dichiarazioni nel processo di secondo grado che stava per aprirsi.

– 2 marzo 1982: I giudici della Corte d’assise d’appello di Brescia assolvono tutti gli imputati, Papa compreso, e nelle motivazioni definiscono Buzzi “un cadavere da assolvere”.

– 30 novembre 1984: La Cassazione annulla la sentenza di appello e dispone un nuovo processo per Nando Ferrari, Angelino e Raffaele Papa e Marco De Amici. Durante quello stesso anno, Michele Besson e il giudice istruttore Gian Paolo Zorzi avviano una seconda inchiesta sulla base delle rivelazioni di alcuni pentiti, tra i quali Angelo Izzo. Tra gli imputati il neofascista Cesare Ferri, accusato anche dalla testimonianza di un prete, il fotomodello Alessandro Stepanoff e il suo amico Sergio Latini che gli aveva fornito un alibi.

– 20 aprile 1985: La Corte d’assise d’appello di Venezia, davanti alla quale e’ stato celebrato il nuovo processo di secondo grado, assolve tutti gli imputati del primo processo bresciano.

– 23 maggio 1987: I giudici di Brescia assolvono per insufficienza di prove Ferri, Latini e Stepanoff. I primi due sono assolti anche dall’accusa dell’omicidio di Buzzi che, secondo i pentiti, avrebbero fatto uccidere perche non parlasse.

– 25 settembre 1987: La Cassazione conferma la sentenza di assoluzione dei giudici della Corte da appello di Venezia. Cala il sipario sulla prima inchiesta sulla strage.

– 10 marzo 1989: La Corte da assise d’appello di Brescia assolve, stavolta con formula piena, Ferri, Stepanoff e Latini.

– 13 novembre 1989: La prima sezione della Corte di Cassazione, presieduta da Corrado Carnevale sancisce in via definitiva le assoluzioni di Ferri, Stepanoff e Latini.

– 23 maggio 1993: Il giudice istruttore Gian Paolo Zorzi, accogliendo la richiesta del pm, proscioglie ‘per non aver commesso il fatto’ gli ultimi imputati della inchiesta bis. Nella sentenza, Zorzi scrive che l’ordigno esploso in piazza della Loggia non fu “strumento di una strage indiscriminata, di un atto di terrorismo puro… ma di un vero e proprio attacco diretto e frontale all’essenza della democrazia”. A ottobre di quell’anno prende il via la terza inchiesta.

– 16 novembre 2010: I giudici della Corte d’assise di Brescia assolvono tutti i cinque imputati (Delfo Zorzi, Carlo Maria Maggi, Maurizio Tramonte, Francesco Delfino e Pino Rauti con la formula dubitativa dell’articolo 530 comma 2, ‘erede’ della vecchia insufficienza di prove. Viene revocata la misura cautelare nei confronti dell’ex ordinovista Delfo Zorzi che vive in Giappone e ha cambiato nome.

– 14 aprile 2012: la Corte d’Assise d’Appello conferma l’assoluzione di tutti gli imputati.

– 21 febbraio 2014: la Cassazione ha detto ‘no’ alle assoluzioni di Carlo Maria Maggi e Maurizio Tramonte, imputati nel processo per la strage di piazza della Loggia, disponendo per i due imputati un nuovo processo d’appello. Confermata, invece, l’assoluzione di Delfo Zorzi.

– 26 maggio 2015: inizia il processo d’appello bis, in cui sono imputati Carlo Maria Maggi e Maurizio Tramonte.

– 22 luglio 2015: giorno della sentenza.

(AGI)

Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.