TwitterFacebookGoogle+

Strage tribunale: Giardiello, pistola nel palazzo 3 mesi prima

Milano – “La pistola fu portata dentro il palazzo di giustizia tre mesi prima della strage e li’ l’ho nascosta”. Colpo di scena al processo con rito abbreviato a carico di Claudio Giardiello, l’immobiliarista che, il 9 aprile di un anno fa, a Milano, uccise tre persone con una pistola: l’avvocato Lorenzo Claris Appiani, il magistrato Fernando Ciampi e il suo coimputato, in un processo per bancarotta, Giorgio Erba. Una versione, quella consegnata da Giardiello al giudice che oggi dovra’ pronunciare la sentenza, che cambia le carte in tavola, aggravando la sua posizione perche’ indica con chiarezza la premeditazione del gesto, negata dalla sua difesa durante le arringhe. Inoltre, scagionerebbe uno dei vigilantes all’interno del Tribunale accusato di concorso in omicidio perche’ al varco di via San Barnaba non si sarebbe accorto che Giardiello stava entrando con una pistola Beretta. Il pm di Brescia Isabella Samek Lodovici ha chiesto l’ergastolo per Giardiello. Il gup si e’ ritirato in camera di consiglio per decidere il verdetto. (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.