TwitterFacebookGoogle+

Stupro' donna per 2 giorni con amico, si costituisce in carcere

(AGI) – Nuoro, 16 lug. – Si e’ costituito uno dei due uomini che nel febbraio di dieci anni fa, a Dorgali (Nuoro), violentarono a turno una donna alla quale avevano offerto un passaggio, dopo averla segregata per due giorni nell’ovile di uno di loro, nelle campagne del paese. Colpito da un ordine di carcerazione emesso dalla procura presso la Corte d’appello di Cagliari e Irreperibile dal 10 luglio scorso, Geatano Mureddu, 35 anni, servo pastore di Onifai si e’ presentato nel carcere di Lanusei (Ogliastra), dopo una lunga mediazione condotta dai carabinieri che lo cercavano fra Onifai, Dorgali e Bultei. L’uomo deve scontare 10 anni di carcere per sequestro di persona, violenza sessuale e violenza sessuale di gruppo, commessa assieme all’amico Sebastiano Mulas, un netturbino di Dorgali poi morto nel settembre del 2006 in un incidente stradale. La vittima era una donna, all’epoca di 42 anni, con problemi psichici, che aspettava l’autobus a Dorgali: nel febbraio di dieci anni fa Mulas e Mureddu la avvicinarono per offrirle un passaggio in macchina. La donna, che stava andando al centro d’igiene mentale per i consueti controlli, si convinse a seguirli, ma i due la portarono nell’ovile di Mulas, in localita’ Sant’Elene, nelle campagne di Dorgali, dove la stuprarono ripetutamente a turno per l’intera giornata. Le violenze sessuali proseguirono il giorno successivo in una villetta di Sos Alinos, dove i due trasferirono la vittima probabilmente per poter proseguire gli abusi indisturbati. Nel frattempo i familiari della donna avevano dato l’allarme. I due, preoccupati delle ripercussioni, decisero di liberare la donna a Dorgali, in localita’ “Osolai”, dopo averla minacciata di non rivelare nulla. La vittima fu ritrovata in stato confusionale da alcuni passati e subito accompagnata all’ospedale di Nuoro, dove venne accertata la violenza sessuale. Le indagini dei carabinieri della compagnia di Siniscola e del Ris avevano poi consentito di risalire ai due uomini che erano finiti nel carcere di Badu ‘e Carros e poi rimessi in liberta’ in attesa di giudizio, una volta cessate le esigenze cautelari. Mulas e’ morto il 6 settembre del 2006 in un incidente stradale sulla strada Oliena-Dorgali: viaggiava sulla Volkswagen Golf di un amico e compaesano che aveva perso il controllo dell’auto ed era finito fuori strada, in un torrente. Qui Mulas era annegato. (AGI)
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.