TwitterFacebookGoogle+

Suicida a 27 anni per i soprusi dei 'cyberbulli'

(AGI) – Vercelli, 18 set. – Potrebbe essere un’altra vittima del “cyberbullismo” il 27enne di Borgo D’Ale, piccolo centro del Vercellese, che alcuni giorni fa e’ stato trovato dalla madre morto impiccato all’interno della loro abitazione. La notizia, rimasta finora riservata, ha iniziato a circolare sui media locali dopo che il padre, durante una messa, ha chiesto pubblicamente che vengano assicurati alla giustizia i responsabili del trauma che potrebbe avere portato il figlio al gesto estremo. A quanto si apprende, infatti, il ragazzo, circa un anno fa, si era rinchiuso in casa, in preda a una forte crisi depressiva, dopo avere scoperto, e subito denunciato alla polizia postale di Biella, che alcuni suoi coetanei avevano pubblicato su una pagina Facebook alcune foto offensive nei suoi confronti – in cui appariva rinchiuso a forza dentro a un bidone della spazzatura e ritratto con un sacchetto della spazzatura in testa – oltre a postare un video su Youtube in cui veniva ridicolizzato e preso in giro. Dopo che la polizia aveva fatto rimuovere i contenuti dal web era stato aperto un fascicolo in procura, del cui iter, pero’, non si e’ piu’ saputo nulla. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.