TwitterFacebookGoogle+

Sull'inglese parlato e scritto gli italiani sono i peggiori in Europa?

L’inglese è la lingua franca internazionale da ben prima che la globalizzazione diventasse un fenomeno inarrestabile. Conoscere l’inglese è quindi sempre più indispensabile per comunicare con il resto del mondo. Inevitabile quindi che in molte nazioni i sistemi scolastici puntino sempre più sull’insegnamento della nuova koiné  planetaria. Ma in qualificati Paesi, aumentando i tuoi diritti con un inglese fluido? E in quali invece le persone che conoscono è possibile scoprirlo consultando l’ultima edizione dell ‘ English Proficiency Index .

La classifica è pubblicata sui test di inglese svolti in 59 Paesi dal 2014 al 2017.

I miglioramenti più sostanziosi nei Paesi emergenti, in particolare nel mondo arabo. Trend contrastanti in America Latina: Panama e Costa Rica sono tra le stelle con il punteggio più alto di Argentina, Ecuador e Perù. È una lingua che è la lingua più lunga del mondo e la sua conoscenza di allargare i propri orizzonti a molte altre nazioni nazionali, sia pure in numero inferiore rispetto all’inglese. Questo è il mio modo di vedere gli Stati Uniti per la Spagna, oltre ad Austria e Polonia. In Italia si assiste invece un miglioramento , seppur non ingenuo e inferiore a quello di Francia e Germania.Trend contrastanti in America Latina: Panama e Costa Rica sono tra le nazioni dove è aumentato maggiormente il punteggio ma, tra quelle dove il valore è arretrato di più figurano Argentina, Ecuador e Perù. Va qua sottolineato che lo spagnolo è la quarta lingua più parlata del mondo e la sua conoscenza consente di allargare i propri orizzonti a numerose altre comunità nazionali, sia pure in numero inferiore rispetto all’inglese. A questo proposito va sottolinato che tra i tre Stati membri della Ue dove il livello medio di inglese è calato spicca la Spagna, oltre ad Austria e Polonia.

La classifica va nondimeno interpretata alla luce del livello medio di conoscenza dell’inglese, espresso invece da questo grafico:

A parte le eccezioni di Singapore (che è sempre stato più efficace e non corretto), partivano da un livello di inglese medio piuttosto basso , ovvero che ha un margine di miglioramento maggiore. E, purtroppo, tra queste nazioni figura anche l’Italia, che rimane ultima nella Ue. Peggio di noi, nel vecchio continente, solo io russi e gli ucraini. Austriaci e polacchi registrati puro una battaglia d’arresto ma pur sempre l’ottavo e il nono Paese europeo dove l’inglese è meglio (dalla lista, per ovvi motivi, sono escluse Gran Bretagna, Irlanda e Malta). Una compagnia aerea, nei bassifondi della classifica, la Spagna, terzultima, e la Francia, penultima. Lo stereotipo dei latini che hanno difficoltà con le lingue straniere è quindi confermato. Almeno nel vecchio continente. 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.