TwitterFacebookGoogle+

Suora pro nobis – torturava e picchiava i bimbi all’asilo

UNA RELIGIOSA INDIANA CONDANNATA A 5 ANNI DI GALERA – LA DENUNCIA DEI GENITORI DOPO AVER SENTITO I FIGLI PARLARE DI CATTIVERIE E “ATTENZIONI MORBOSE E NON GRADITE”…
Una religiosa indiana di 40 anni vessava due gemelli di 5 anni nell’asilo di via Bravetta: li teneva rinchiusi per ore nella “scatola di Houdini”, una cassapanca di legno che veniva sfruttata come strumento di tortura. Le violenze sono proseguite per mesi…
Li teneva rinchiusi per ore nella “scatola di Houdini”, una cassapanca di legno che, invece di essere utilizzata per riporre i giocattoli, veniva sfruttata come strumento di tortura. A differenza dell’ illusionista francese, le piccole vittime intrappolate da lì dentro non riuscivano mai a fuggire. Per due gemellini di 5 anni non c’ era alcuna magia tra le mura del loro asilo di via Bravetta, zona Gianicolense. Sono stati sottoposti a violenze fisiche e continue vessazioni psicologiche.

La “aguzzina” è una suora quarantenne, originaria dell’ India ed ex insegnante nella scuola materna “Maria Santissima Mediatrice”. Ora, oltre a essere stata allontanata dall’ istituto e sospesa dall’ incarico, è stata anche condannata a 5 anni di reclusione per maltrattamenti su minori.

Per l’ accusa, avrebbe costretto i fratellini a subire vere e proprie cattiverie quotidiane. Punizioni ingiuste, continue sculacciate per fare rispettare le regole, ramanzine ripetute e urlate. Piccole crudeltà che per i due bimbi erano gigantesche, soprattutto perché protratte per mesi.

LA DENUNCIA Come si legge nel capo d’ imputazione, firmato dalla pm Silvia Santucci, gli alunni avrebbero infatti sviluppato «una malattia nel corpo e nella mente consistita in disturbo postraumatico da stress».

L’ inchiesta scatta nel giugno 2010. I genitori dei piccoli si presentano in Procura e sporgono denuncia. Sono allarmati e spaventati: quando i gemellini tornano a casa dopo aver frequentato l’ asilo, fanno racconti molto strani. Dicono che la suora li costringe a subire punizioni assurde, come quando li rinchiude per ore nel fondo di una cassapanca e si siede sul coperchio per evitare che si liberino.

I bimbi raccontano anche tante altre cose, spesso ambigue. Il sospetto è che possano aver subìto abusi. Tanto che il pubblico ministero decide di indagare l’ insegnante non solo per maltrattamenti, ma anche per molestie sessuali in danno di soggetti minori.

Le molestie in questione sarebbero addirittura aggravate, visto che, come si legge negli atti, la donna avrebbe approfittato della sua qualità di insegnante, sottoponendo a vessazioni gli alunni «mentre erano affidati per ragioni di cura ed educazione alla sua custodia». I piccoli, infatti, riferiscono di essere stati investiti da troppe attenzioni morbose e non gradite. Due anni dopo, la Procura ottiene il rinvio a giudizio della religiosa. Il gup ritiene valide entrambe le contestazioni.

IL DIBATTIMENTO Secondo la ricostruzione iniziale degli inquirenti, non confermata durante il dibattimento, la suora «in tempi diversi e in esecuzione di un medesimo disegno criminoso, nella sua qualità di insegnante e abusando della stessa, costringeva i gemellini affidati alla sua custodia a subire ripetuti atti sessuali», come si legge nel capo d’ imputazione.

Gli abusi sarebbero proseguiti per mesi. A fine processo, dopo aver ascoltato decine di testimonianze, il magistrato decide però di proporre l’ assoluzione della religiosa dall’ accusa di molestie: non è stato possibile provare la sua piena colpevolezza. Il pubblico ministero chiede invece che l’ imputata venga condannata a tre anni per i maltrattamenti.

Durante la discussione ribadisce le contestazioni scritte negli atti: la donna, per mesi, avrebbe sottoposto i bimbi «a quotidiane violenze sia fisiche che psicologiche, mettendoli anche per punizione all’ interno della scatola di Houdini». Il giudice è più severo: dispone cinque anni di reclusione.

http://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/suora-pro-nobis-torturava-picchiava-bimbi-all-asilo-religiosa-124420.htm

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.