TwitterFacebookGoogle+

Svezia, l’accoglienza a letto «Sesso spiegato ai migranti»

Stanziato mezzo milione di dollari per filmati che illustrano diritti e pratiche in arabo, somalo e curdo.

Fausto Biloslavo – Lun, 07/05/2018 –
Il governo svedese spende quasi mezzo milione di dollari per dei video animati, che devono illustrare agli immigrati i loro «diritti» sessuali.

Una delle immagini usate per spiegare agli immigrati i loro “diritti” sessuali
E giudica l’operazione «estremamente urgente». Gli 11 filmati sono stati realizzati dall’Associazione svedese per l’educazione sessuale, un’organizzazione «caritatevole». I titoli rendono bene l’idea: «Lussuria e piacere», «Genitali femminili», «Dolore durante il rapporto». Le animazioni riguardano tutte le posizioni del sesso da quelle «normali» ad altre più simili al Kamasutra. La donna ministro svedese per gli Affari sociali, Annika Strandhäll, ha annunciato l’esborso di 3,7 milioni di corone equivalenti a 416mila dollari per «l’urgente» iniziativa. «Abbiamo stabilito che alcune donne del gruppo di nuovi arrivati provengono da società con norme, regole e leggi completamente diverse» ha dichiarato il ministro in tv. «Il progetto permetterà a queste donne una migliore comprensione dei diritti sessuali e di riproduzione in Svezia» ha aggiunto Strandhäll. I video sono realizzati in diverse lingue dall’arabo al somalo fino al persiano, il curdo e l’inglese.

Non è chiaro perché bisogna spendere soldi dello stato per spiegare il sesso agli immigrati, che continueranno a farlo secondo le loro «tradizioni e culture» spesso ben poco rispettose dei diritti femminili. Difficile che una dozzina di video animati cambino il modo di pensare sia delle donne, che degli uomini arrivati in Svezia da altri mondi.

Un esperimento del genere in Germania ha avuto scarso successo. Il governo tedesco ha lanciato un sito chiamato Zanzu, che fornisce «consigli sul sesso e la sessualità per i migranti che non vivono da molto tempo in Germania». Il progetto ha sollevato diverse critiche non solo dai «mangia immigrati», ma anche dai talebani dell’accoglienza. Heinz-Jürgen Voss, esperto in sessuologia dell’università di Merseburg ha dichiarato che l’iniziativa governativa è «razzista» perché presuppone che gli stranieri abbiano un’educazione sessuale inferiore a quella dei tedeschi.

In Svezia il problema sesso e migranti, che rappresentano oltre il 26% della popolazione, è aggravato dai reati compiuti dai nuovi arrivati. Le statistiche ufficiali non indicano la nazionalità dei responsabili di stupri e abusi sessuali, ma quelle ufficiose puntano il dito contro gli stranieri. Sicuramente le violenze sessuali sono in aumento negli ultimi anni di forte immigrazione con un 10% in più nel 2017. Ricerche indipendenti indicano che l’85% degli abusi, in particolare l’odioso crimine dello stupro di gruppo, è perpetrato da non svedesi. I casi eclatanti non mancano come la banda di ragazzini afghani che ha stuprato un connazionale minorenne registrando la scena sul telefonino. Da gennaio il governo ha dato il via ad un censimento accurato sugli stupri, che dovrà chiarire una volta per tutte l’incidenza degli stranieri.

Un altro fenomeno, che fa discutere la Svezia, è lo sfruttamento sessuale al contrario: donne di mezza età impegnate nell’accoglienza oppure no, che intrattengono rapporti sessuali con i nuovi arrivati. In molti casi si tratta di apparenti minorenni utilizzati come «gigolò», anche se in Svezia si è scoperto che tre migranti su quattro hanno un’età superiore rispetto a quella dichiarata. L’ultimo caso è scoppiato in gennaio nel comune di Örnsköldsvik. Tre operatrici dell’accoglienza hanno dovuto dare le dimissioni finendo sotto inchiesta.

http://www.ilgiornale.it/news/politica/svezia-laccoglienza-letto-sesso-spiegato-ai-migranti-1523066.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.