TwitterFacebookGoogle+

Svimez, al Sud 1 su 3 e' povero. "E' sottosviluppo permanente"

(AGI) – Roma, 30 lug. – Allarme poverta’ per il mezzogiorno: “una persona su tre a rischio al Sud, una su dieci al Nord”. E’ quanto si legge nel Rapporto Svimez sull’economia del Mezzogiorno 2015. Svimez avverte che “Il Sud e’ ormai a forte rischio di desertificazione industriale, con la conseguenza che l’assenza di risorse umane, imprenditoriali e finanziarie potrebbe impedire all’area meridionale di agganciare la possibile ripresa e trasformare la crisi ciclica in un sottosviluppo permanente”.

“In Italia, negli ultimi tre anni, dal 2011 al 2014 – secondo lo studio – le famiglie assolutamente povere sono cresciute a livello nazionale di 390mila nuclei, con un incremento del 37,8% al Sud e del 34,4% al Centro-Nord. Quanto al rischio poverta’, nel 2013 in Italia vi era esposto il 18% della popolazione, ma con forti differenze territoriali: 1 su 10 al Centro-Nord, 1 su 3 al Sud. La regione italiana con il piu’ alto rischio di poverta’ e’ la Sicilia (41,8%), seguita dalla Campania (37,7%).

Occupazione al Sud e’ tornata ai livelli del 1977

La poverta’ assoluta e’ aumentata al Sud rispetto al 2011 del 2,2% contro il +1,1% del Centro-Nord. Nel periodo 2011-2014 al Sud le famiglie assolutamente povere sono cresciute di oltre 190mila nuclei in entrambe le ripartizioni, passando da 511mila a 704mila al Sud e da 570mila a 766mila al Centro-Nord. A livello di reddito, guadagna meno di 12mila euro annui quasi il 62% dei meridionali, contro il 28,5% del Centro-Nord. Particolarmente pesante la situazione in Campania (quasi il 66% dei nuclei guadagna meno di 12mila euro annui), Molise (70%) e Sicilia (72%)”.

Mezzogiorno: Svimez, dal 2000 a 2013 cresce meta’ della Grecia

Dal 2000 al 2013 il Sud d’Italia e’ cresciuto del 13%,”la meta’ della Grecia”. E’ quanto si legge nel Rapporto Svimez sull’economia del Mezzogiorno 2015. “In tredici anni, dal 2000 al 2013 – secondo il rapporto – l’Italia e’ stato il Paese che e’ cresciuto meno di tutti i paesi considerati, +20,6% rispetto al +37,3% dell’area Euro a 18, addirittura meno della Grecia, che ha segnato +24% quale effetto della forte crescita negli anni pre crisi, che e’ riuscita ad attenuare in parte il crollo successivo. Situazione decisamente piu’ critica al Sud, che cresce nel periodo n questione la meta’ della Grecia, +13%: oltre 40 punti percentuali in meno della media delle regioni Convergenza dell’Europa a 28 (+53,6%)”.

Mezzogiorno:Svimez, al Nord +133mila occupati e al Sud -45mila

Un’Italia ‘spaccata’ in due dove c’e’ una Regione come il Trentino Alto Adige, che registra un reddito pro capite di 37.665 euro e, contemporaneamente, la Calabria che si ferma a 15.807 euro. Numeri che mostrano un “divario tra la regione piu’ ricca e la piu’ povera” nel 2014 pari a 18.453 euro: in altri termini, un trentino ha prodotto nel 2014 quasi 22mila euro in piu’ di un calabrese. E lo scorso anno registra dati allarmanti sul fronte dell’occupazione in particolare per giovani e donne. “Nel 2014 i posti di lavoro in Italia sono cresciuti di 88.400 unita’, tutti concentrati nel Centro-Nord (133mila). Il Sud, invece, ne ha persi 45mila. Il numero degli occupati nel Mezzogiorno torna cosi’ a 5,8 milioni, sotto la soglia psicologica dei 6 milioni; il livello piu’ basso almeno dal 1977, anno da cui sono disponibili le serie storiche dell’Istat”. Per quanto riguarda l’occupazione femminile, secondo lo studio “al Sud lavora solo una giovane su cinque”.

” Le donne continuano a lavorare poco: nel 2014 a fronte di un tasso di occupazione femminile medio del 64% nell’Europa a 28 in eta’ 35-64 anni, il Mezzogiorno e’ fermo al 35,6%”. Il capitolo ‘giovani e lavoro’ mostra una “frattura” senza paragoni in Europa , continua, infatti, “l’andamento contrapposto dell’occupazione tra i giovani e i meno giovani”. “I primi, under 34, hanno visto perdere in Italia dal 2008 al 2014 oltre 1 milione e 900mila posti di lavoro, pari a -27,7%, di cui quasi il 32% al Sud. Viceversa, nella fascia d’eta’ 45-54 anni e 55-64 i posti di lavoro sono cresciuti rispettivamente di 696mila unita’ e di oltre 1 milione. Il Sud negli anni 2008-2014 perde 622mila posti di lavoro tra gli under 34 e ne guadagna 239mila negli over 55. Particolarmente colpiti i piu’ giovani: “gli under 24 nel 2014 registrano un tasso di disoccupazione del 35,5% nel Centro-Nord e quasi del 56% al Sud”. In questo scenario lo Svimez avverte che “Il Sud e’ ormai a forte rischio di desertificazione industriale, con la conseguenza che l’assenza di risorse umane, imprenditoriali e finanziarie potrebbe impedire all’area meridionale di agganciare la possibile ripresa e trasformare la crisi ciclica in un sottosviluppo permanente”.

Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.